Vaccini dai medici di famiglia, Fnomceo: “Si apre una nuova fase” - QdS

Vaccini dai medici di famiglia, Fnomceo: “Si apre una nuova fase”

redazione

Vaccini dai medici di famiglia, Fnomceo: “Si apre una nuova fase”

martedì 23 Febbraio 2021 - 00:00
Vaccini dai medici di famiglia, Fnomceo: “Si apre una nuova fase”

Smi, Sindacatomedici italiani: “Da politica poco coraggio, proposta era investire un miliardo". Anche in Sicilia si va verso il loro coinvolgimento nella campagna

ROMA – Il Sindacato Medici Italiani (Smi), ha firmato il protocollo d’intesa sul coinvolgimento dei medici di medicina generale nella campagna di vaccinazione anti Covid “perché eticamente e deontologicamente disposti a collaborare”, rilevando però che “ai decisori politici è mancato il coraggio di scommettere sui medici di medicina generale”. Lo evidenzia in una nota Pina Onotri Segretario Generale dello Smi.

“Avevamo fatto una proposta che aveva come obiettivo vaccinare il 70% della popolazione in un lasso di tempo breve – specifica infatti Onotri – per questo avevamo chiesto un finanziamento congruo e certo (un miliardo e 200 milioni di euro) perché convinti che con queste risorse avremmo valorizzato l’autonoma organizzazione dei medici di medicina generale che, dotandosi di collaboratori amministrativi e sanitari, avrebbero potuto sul serio dare avvio sul tutto il territorio nazionale a tanti mini hub vaccinali. Ai decisori politici è mancato il coraggio di scommettere su di noi. Faremo quel che potremo con i mezzi che ci hanno messo a disposizione”.

“Il risultato di serrate trattative – prosegue – è stato l’impegno del Governo ad adottare uno o più provvedimenti per lo stanziamento delle risorse necessarie, quantificate sugli importi previsti dall’Acn, accordo collettivo nazionale di lavoro, per portare avanti la campagna vaccinale. Obiettivi e target verranno definiti a livello regionale, dove sarà declinato, in base alle caratteriste locali, il Protocollo d’Intesa firmato a livello nazionale. Abbiamo anche chiesto che, lì dove non è organizzativamente possibile, per mancanza di supporto amministrativo e infermieristico, i medici di medicina generale possano vaccinare presso i centri vaccinali messi a disposizione di Asl e Regioni”. Un’altra richiesta è stata “che tutti i medici di medicina generale possano aderire alla campagna. Il vaccino anti Covid rientra nelle fattispecie dei vaccini non obbligatori, soggetti a preventiva autorizzazione, prima di poterli effettuare e come tali sono retribuiti. Rientrano nell’obbligo di categoria, ma non del singolo”.

Anche il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici Filippo Anelli, ha accolto con favore la sigla dell’accordo tra governo, regioni e sindacati: “Si apre una nuova fase del piano vaccinale anti Covid. Avendo a disposizione nel Paese una rete capillare e prossima al cittadino di 40 mila medici vaccinatori – i medici di famiglia – e disponendo di un numero sufficiente di vaccini, sarà possibile in tempi relativamente brevi sottoporre a vaccinazione gli anziani, i pazienti più fragili e quelli affetti da particolari patologie”, continua Anelli. “E questo con le stesse modalità utilizzate, tra novembre e dicembre e ormai da tempo, per somministrare il vaccino antinfluenzale”. “Si potrà fare il vaccino nello studio del proprio medico, a domicilio o presso strutture individuate dalle Regioni – conclude – il rapporto di alleanza che lega il medico al paziente, la conoscenza approfondita e costante delle condizioni cliniche del cittadino aiuteranno a raggiungere, in un clima di serenità e fiducia, gli obiettivi fissati dal piano di vaccinazione, nel rispetto della dignità di ogni persona”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684