Weekend sulle orme di Van Gogh nel Brabant. Città moderne, design e innovazioni culinarie - QdS

Weekend sulle orme di Van Gogh nel Brabant. Città moderne, design e innovazioni culinarie

Nicoletta Fontana

Weekend sulle orme di Van Gogh nel Brabant. Città moderne, design e innovazioni culinarie

martedì 12 Novembre 2019 - 10:47
Weekend sulle orme di Van Gogh nel Brabant. Città moderne, design e innovazioni culinarie

La regione olandese si è profondamente rinnovata negli ultimi anni

Il quadro “I mangiatori di patate” di Vincent Van Gogh è il primo capolavoro dell’artista olandese, dipinto alla fine del 1885 nella regione del Nord Brabant, sua terra natia. I contadini che figurano nell’opera mentre si accingono a mangiare un misero piatto di patate sotto la luce fioca di una lampada a olio sono gli stessi uomini che ai nostri giorni si sono trasformati negli gli chef più innovativi e “illuminati” d’Olanda.

In quell’epoca l’artista di certo non poteva immaginare che la grande multinazionale Philips, appena qualche anno più tardi, si sarebbe insediata a Eindhoven illuminando il mondo con le sue lampadine e che, quella stessa città, in un futuro non troppo lontano sarebbe diventata una smart city puntando su food innovativo e design d’avanguardia.

La Philips ha ormai chiuso i battenti nel 2002 per trasferirsi ad Amsterdam e tutta l’area del quartiere Strijp-S, in cui sorgevano gli ex stabilimenti, è stata riconvertita in centri espositivi, gallerie d’arte, ristoranti, skate park e ogni fine ottobre, da una decina d’anni, diventa sede della Dutch design week (Ddw). Un evento di grande importanza, che mette sul palcoscenico internazionale i migliori designer olandesi, con progetti orientati al futuro.

Sempre in tema di riconversioni a Eindhoven si può cenare al Kazerne: un ex caserma militare, trasformata in casa del design. Si mangia e si beve in un’atmosfera vivace, circondati da opere d’arte e arredi di tendenza. Da non perdere!

Il ristorante Kazerne a Eindhoven

“Non solo patate” verrebbe da dire, anche perché le sorprese di questa regione non finiscono qui. A proposito di food, infatti, bisogna segnalare che oltre alle fragole, gli asparagi e le acciughe – che sono il simbolo del Brabant – nei bacini di Eindhoven nuotano migliaia di storioni che regalano l’eccellente caviale “Anna Royal dutch caviar”. Il miglior modo per gustarlo è cenando al ristorante Doyy. Yavuz Yildirim, proprietario di origini uzbeche, ha scelto come chef un giovanissimo olandese, appena 23enne, Cas Pikaar, capace di proporre piatti di altissimo livello della più raffinata cucina internazionale.

Ancora riqualificazioni industriali a Vegel, alla Proeffabriek at Chv Noordkade. Un tempo fu un complesso industriale per miscelatori di mangime, oggi un hot–spot creativo che diventa fabbrica del gusto. Al suo interno è un susseguirsi di caffetterie, corner di patatine, birrerie, distillerie e nel roof top, si trova il famoso ristorante Silly Fox. Curato dallo chef Joppe Sprinkhuizen, propone una cucina raffinata, innovativa e a chilometro zero. Il ristorante è selezionato e raccomandato dall’edizione 2019 della guida Michelin Paesi Bassi e ha 14 punti su 20 del Gault & Millau 2019.


Proeffabriek at Chv Noordkade
Lo chef Joppe Sprinkhuizen

Tante stelle in questo weekend a tutto food perché a Sint-Oedenrode si trova il ristorante Wollerich, dello chef Gerad Wollerich. In un ambiente raffinato ed elegante, i delicati “amuse-bouche” sono solo il preludio di una cena che, portata dopo portata, riesce a stupire i palati più esperti per la qualità dei piatti proposti e per la creatività che lo chef mette in ogni singola pietanza. Il ristorante è stato premiato con una stella Michelin nel periodo 1997-2007 e dal 2010 a oggi e anche il Gault Millau ha assegnato al ristorante 17 punti su 20.

A pochi chilometri di distanza da Sint-Oedenrode si raggiunge facilmente Schijndelsi. Si può cenare o bere semplicemente un’ottima birra nella famosa birreria Sint Servattumus all’interno della Glass Farm: un’opera d’arte e architettura che è diventata il simbolo della cittadina olandese. Da non perdere la visita guidata per questo capolavoro d’arte contemporanea a cielo aperto. (http://www.glazenboerderij.nl).

La Glass Farm

Il viaggio nel Brabant può concludersi a ‘s-Hertogenbosch acquistando una scatola colma dei tipici Bossche bol – squisiti bomboloni ricoperti di cioccolato fondente e ripieni di panna montata – una delizia da gustare in riva al fiume da Bolwerk, un ristorante e bar iconico della piccola cittadina, sia per la sua straordinaria architettura che per il design degli arredi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ‘s-Hertogenbosch-olanda-1024x768.jpg

A ‘s-Hertogenbosch si può acquistare una scatola colma dei tipici Bossche bol

HOTEL
Uden
Hotel Teugel Resort
www.teugelresort.nl/teugel-resort-hotel-uden/

Eindhoven
Kazerne
www.kazerne.com/en/hotel/
Hotel Marienhage
www.marienhage.com/

Veghel
The Yard Hotel
www.theyardhotel.nl

RESTAURANT
Silly Fox
www.sillyfox.nl

Doyy
www.doyy.nl

Wollerich
www-wollerich.nl

Bolwerkdenbosch
www.bolwerkdenbosch.nl

Birreria
Sinservattums
www.sintservattumus.nl

INFO
Visit Brabant
www.visitbrabant.com/en

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684