Rotazioni, respinto il ricorso dei Cobas/Codir e Sadirs - QdS

Rotazioni, respinto il ricorso dei Cobas/Codir e Sadirs

Andrea Carlino

Rotazioni, respinto il ricorso dei Cobas/Codir e Sadirs

venerdì 22 Marzo 2013 - 00:00

Il giudice del lavoro di Palermo ha dato ancora ragione all’amministrazione regionale. I sindacati non ci stanno ed annunciano una vivace protesta

PALERMO – Altro punto a favore della Regione siciliana sulla vicenda delle rotazioni dei dirigenti all’interno delle strutture amministrative regionali. Dopo il ricorso presentato dal Dirsi (sindacato dei dirigenti regionali) e respinto dal giudice del lavoro del Tribunale di Palermo, un altro ricorso sull’ex art. 28, riguardante i trasferimenti di personale fatti dall’Amministrazione regionale, è stato rigettato.
Lo affermano in una nota i sindacati Cobas-Codir e Sadirs che avevano presentato il ricorso: “I ricorsi ex art. 28 sui trasferimenti di personale fatti dall’Amministrazione regionale, illegittimamente e senza fissarne i criteri previsti dai contratti di lavoro, sono stati, incredibilmente, rigettati dalla Sezione Lavoro del Tribunale di Palermo.
Con provvedimento firmato dal Giudice Dante Martino – proseguono – sono state depositate le motivazioni del rigetto che sembrano, a nostro avviso, essere carenti di reali contenuti ancorché non coerentemente rispondenti alle denunce di comportamento antisindacale presentate da noi "Cobas/Codir e Sadirs annunciano che "passeranno adesso alla protesta, riprendendo una capillare azione d’informazione e di denuncia pubblica sugli impegni assunti e non mantenuti dal governo, a incominciare dalla mancanza di una seria politica del personale".
Il giudice Dante Marino, ha respinto il ricorso poiché non si riscontrano violazioni degli obblighi d’informazione, concertazione e consultazione previsti dai contratti di categoria.
Infatti il nuovo assetto organizzativo dei Dipartimenti entrerà in vigore a partire dal 1° aprile 2013 e conseguentemente, prima di tale data, non è possibile, neppure in astratto, configurare una qualche violazione da parte delle amministrazioni resistenti degli obblighi di informazione, concertazione e consultazione e poi perché l’amministrazione ha provveduto a comunicare alle organizzazioni sindacali, i criteri generali relativi alla mobilità interdipartimentale con una riunione organizzata l’11 febbraio 2013. E pertanto l’obbligo di informazione preventiva sancito dall’art.1 bis della L.R. 9/2012, appare pienamente adempiuto da parte dell’amministrazione regionale.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684