L’evasione fiscale nuoce gravemente al Pil - QdS

L’evasione fiscale nuoce gravemente al Pil

Patrizia Penna

L’evasione fiscale nuoce gravemente al Pil

venerdì 26 Luglio 2013 - 00:00
L’evasione fiscale  nuoce gravemente al Pil

Tasso di “infedeltà fiscale”: la maglia nera alle regioni del Sud. In Sicilia, nel 2012 il danno erariale accertato è stato di 1,4 mld

ROMA – Il sommerso economico in Italia nel 2013 è pari al 17,4% del Pil e la cifra dell’imponibile sottratto al fisco ammonta a 272 miliardi. Sono le stime fornite dall’Ufficio di Confcommercio elaborate sulla base dei dati Istat. La cifra del sommerso si confronta con l’11,9% del Messico, il 9,5% della Spagna e addirittura lo 0,3% in Norvegia e 0,7% in Olanda.
Guardando invece nello specifico alle singole regioni italiane, l’evasione fiscale non sembra avere un Nord ed un Sud anche se, il tasso di infedeltà fiscale, ovvero la propensione all’evasione sembrerebbe come al solito attribuire il solito, triste, primato negativo al Sud.
Il Centro Studi Sintesi, sulla base dei dati del Dipartimento Economia e Finanze del Mef e dell’Istat, ha “premiato” quali regine della legalità regioni del Nord quali Trentino Alto Adige, Valle d’Aosta e Friuli Venezia Giulia: queste tre regioni hanno in comune un tasso di infedeltà fiscale irrisorio (13%). La maglia nera di regione “furbetta” va alla Calabria con il 38,4%, seguita a pari merito da Sicilia e Campania (34,2%).
La misurazione dell’infedeltà fiscale, tuttavia, ha un suo perchè solo fino ad un certo punto, dal momento che le percentuali diffuse dal Centro Studi Sintesi si riferiscono a chi denuncia un reddito Irpef, ma non è detto che chi faccia la dichiarazione dei redditi non ne nasconda una parte cospicua.
Nella nostra regione, l’evasione fiscale accertata nel 2012 è stata di ben 1,4 miliardi, secondo quanto dichiarato dalle Fiamme gialle del Comando regionale Sicilia. Nei primi cinque mesi del 2013, sempre secondo i dati della GdF, il danno erariale accertato solo sul fonte del mancato versamento dell’Iva, è stato pari a 54 milioni.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684