Formazione, giro di vite sulla "rete" di Genovese - QdS

Formazione, giro di vite sulla “rete” di Genovese

redazione

Formazione, giro di vite sulla “rete” di Genovese

mercoledì 26 Marzo 2014 - 14:00
Formazione, giro di vite sulla “rete” di Genovese

Non solo saranno rimossi dagli incarichi, ma per i burocrati infedeli potrebbe scattare il licenziamento dalla Pa. Tremano funzionari e dirigenti regionali

Non solo saranno rimossi dagli incarichi, ma per i burocrati "infedeli" che avrebbero fatto parte del sistema messo in piedi dal deputato del Pd Francantonio Genovese, per il quale pende alla Camera una richiesta d’arresto per lo scandalo formazione in Sicilia, potrebbe scattare il licenziamento dalla pubblica amministrazione.
Il governatore Rosario Crocetta, apprende l’Ansa, ha dato incarico all’ufficio legale di Palazzo d’Orleans di valutare la posizione di funzionari e dirigenti regionali, la cui connivenza col ‘sistema Genovese’ emergerebbe da alcune intercettazioni, rivelate da ‘Repubblica’, nell’ambito dell’inchiesta sui corsi d’oro della Procura di Messina.
Oltre a Genovese, nell’indagine sono coinvolti alcuni familiari del parlamentare, tra cui la moglie e il cognato, Franco Rinaldi, deputato-questore all’Assemblea siciliana, e destinatario di un avviso di garanzia.
Le ‘talpe’ avrebbero riferito informazioni, attinte grazie alle posizioni ricoperte nei dipartimenti, sull’attività dell’assessorato alla Formazione, sui bandi e sulle procedure interne, per favorire il sistema Genovese. Il ‘sistema’, che ha agito durante il governo di Raffaele Lombardo che aveva affidato la delega alla Formazione a Mario Centorrino, in passato assessore al Bilancio nella giunta Genovese a Messina, avrebbe continuato a operare anche nell’attuale fase, nonostante sia stato proprio il governo Crocetta a dare impulso alle inchieste sulla Formazione presentando denunce ai magistrati e avviando una riforma radicale del settore.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684