Riforme e conti in ordine: nuovo richiamo della Bce - QdS

Riforme e conti in ordine: nuovo richiamo della Bce

redazione

Riforme e conti in ordine: nuovo richiamo della Bce

venerdì 10 Ottobre 2014 - 08:00
Riforme e conti in ordine: nuovo richiamo della Bce

Il Bollettino di ottobre: “Migliorare il contesto in cui operano le imprese”

ROMA – La Banca centrale europea esorta a dare slancio ai processi legislativi per fare riforme strutturali, come quella sul lavoro, decisivi per riavviare investimenti, occupazione e crescita potenziale. Quanto alle politiche di bilancio, i governi non vanifichino i progressi conseguiti nel risanamento e utilizzino la flessibilità consentita dal patto per sostenere gli oneri connessi alle grandi riforme.
Senza fare espliciti riferimenti all’Italia, nel Bollettino mensile di ottobre, la Bce ribadisce che la ricetta resta quella di fare le riforme e non arretrare nel risanamento dei conti pubblici.
“Alcuni paesi devono chiaramente imprimere slancio al processo legislativo e attuativo delle riforme strutturali, per quel che riguarda i mercati dei beni e servizi e del lavoro nonché gli interventi volti a migliorare il contesto in cui operano le imprese”, si legge nel Bollettino, all’indomani del voto di fiducia con cui il governo ha avviato il processo di riforma del mercato del lavoro.
“Quanto alle politiche di bilancio, i paesi dell’area non dovrebbero vanificare i progressi già conseguiti, ma procedere in linea con le regole del Patto di stabilità e crescita. Ciò dovrebbe riflettersi nei documenti programmatici di bilancio per il 2015 che i governi si accingono a presentare, in cui daranno seguito alle rilevanti raccomandazioni specifiche per paese”, aggiunge la Bce.
Per la Banca centrale europea “il patto dovrebbe rimanere l’àncora della fiducia nella solidità delle finanze pubbliche, e la flessibilità consentita nell’ambito delle regole dovrebbe permettere ai governi di far fronte agli oneri di bilancio connessi a grandi riforme strutturali, di sostenere la domanda e di realizzare una composizione delle politiche di bilancio più favorevole alla crescita”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684