Baccei: "Senza il mutuo, in Sicilia sanità commissariata" - QdS

Baccei: “Senza il mutuo, in Sicilia sanità commissariata”

Raffaella Pessina

Baccei: “Senza il mutuo, in Sicilia sanità commissariata”

venerdì 30 Gennaio 2015 - 08:00
Baccei: “Senza il mutuo, in Sicilia sanità commissariata”

L’assessore Baccei ha spiegato le ragioni della legge che è stata approvata. Rischio di contenziosi e interessi più alti di quelli di adesso

PALERMO – Si sono spenti i riflettori su Sala D’Ercole, dopo le polemiche di mercoledì scorso sorte per la approvazione del ddl sul mutuo di un miliardo e 776 mila euro per pagare i debiti con le imprese.
I battenti dell’Aula di Palazzo dei Normanni si riapriranno il prossimo martedì per affrontare un altro argomento scottante: il Documento di programmazione economico finanziaria. Come si ricorderà il Parlamento ha approvato l’esercizio provvisorio fino ad aprile e non sarà una battaglia facile che il Governo dovrà portare avanti per approvare i documenti finanziari in tempo per evitare la fine di una delle più nere legislature che vi siano state in Sicilia. La 16ma infatti è la legislatura caratterizzata dagli effetti della crisi economica che ha investito tutta Italia e durante la quale la politica ha dovuto prendere atto di essere troppo costosa, e di dover porre rimedio ai debiti contatti negli anni precedenti.
Il Parlamento, nell’affrontare tali difficoltà, fin dall’inizio si è mostrato disunito e poco coeso, sia dalla parte della maggioranza che nell’opposizione. Anche mercoledì alcuni componenti dell’opposizione, in particolare i componenti di Ncd, Nino D’Asero, Vincenzo Fontana e Piero Alongi invece di uscire dall’Aula come gli altri dell’opposizione, sono rimasti per votare No alla contrazione del mutuo. Il deputato Roberto Clemente del Cantiere popolare ha detto che è stato “Un modo davvero strano di fare opposizione al governo Crocetta. Davvero strano, soprattutto se si considera che la strategia concordata dalle forze di opposizione di centrodestra era di abbandonare l’Aula”.
Immediata la risposta dei tre parlamentari: “non esisteva affatto una linea concordata nell’opposizione, dichiariamo a gran voce che non accettiamo critiche: da nessuno. La sceneggiata dell’abbandono dell’Aula sarebbe comunque rimasta nient’altro che questo. Non sarebbe servita a nulla se non al rinvio di un’ora della seduta stessa. E, dopo un’ora, la maggioranza si sarebbe ritrovata in forza numerica in Aula e avrebbe dunque approvato questo prestito che peserà per trenta anni sulle teste e i portafogli dei cittadini”.
Duro l’assessore all’Economia Alessandro Baccei, il tecnico romano voluto da Graziano Delrio che aveva parlato di “teatrino inutile dell’Ars” ed era stato chiaro: “Sono state dette tante cose a sproposito anche se tutti quanti sapete perchè dobbiamo fare questo mutuo. Se non approviamo il mutuo la Sanità siciliana verrà commissariata, pagheremo una penale del 3%, avremo contenziosi con i fornitori e pagheremo interessi moratori molto più alti di quelli che pagheremmo con il mutuo”. Il M5S al momento del voto ha abbandonato l’Aula, insieme Lista Musumeci e una parte di FI. “Il voto finale sul ddl relativo al mutuo va invalidato – ha detto il capogruppo Falcone – in quanto Vincenzo Figuccia, nel corso della dichiarazione di voto in Sala d’Ercole, aveva esplicitamente sostenuto di volere abbandonare l’aula e di non volere esprimere il proprio voto, riaffermando l’assoluta contrarietà alla norma. E’ grave che il vicepresidente dell’Assemblea Venturino abbia giocato sulla temporanea avaria del sistema di rilevamento del voto.
Forza Italia ha chiesto formalmente al presidente Ardizzone di procedere a ripristinare un principio di regolarità nei lavori onde evitare che in Assemblea regionale siciliana vinca il principio del caos, della irregolarità e della balcanizzazione”. Ora si renderà necessaria una verifica tra le forze di opposizione, come chiede il coordinatore regionale di Forza Italia Vincenzo Gibiino, che nei prossimi giorni sarà in Sicilia.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684