Libia, Italia pronta a guida in ambito Onu - QdS

Libia, Italia pronta a guida in ambito Onu

redazione

Libia, Italia pronta a guida in ambito Onu

venerdì 20 Febbraio 2015 - 09:00

Quotidiano egiziano: la prossima settimana Renzi vola al Cairo

NEW YORK – L’Italia è pronta ad assumere un ruolo guida nella cornice dell’iniziativa dell’Onu. è quanto affermato dal nostro Rappresentante permanente alle Nazioni Unite, Sebastiano Cardi, in riferimento al deteriorarsi della situazione in Libia con la crescente minaccia rappresentata dallo Stato Islamico. L’Italia, come sottolineato mercoledì dal ministro degli Esteri Paolo Gentiloni nell’informativa urgente alla Camera, punta a una soluzione politica.
In occasione della riunione d’emergenza del Consiglio di Sicurezza a New York, inoltre, il ministro degli Esteri libico, Mohammed al-Dairi, ha chiesto alle Nazioni Unite di rimuovere l’embargo sulla vendita di armi al suo governo, per poter fronteggiare l’avanzata dei jihadisti dell’Is. Al-Dairi ha sottolineato che la Libia non chiede un intervento militare straniero, ma che la comunità internazionale “ha il dovere giuridico e morale di dare sostegno urgente” al Paese. “Se non riusciremo ad avere armi – ha affermato – questo può solo fare il gioco degli estremisti. La Libia necessita di una posizione decisa da parte della comunità internazionale, perché possa aiutarci ad addestrare il nostro esercito nazionale; questo passa solo attraverso la rimozione dell’embargo alle armi, in modo che il nostro esercito possa ricevere materiale e armamenti per fronteggiare il terrorismo che avanza”.
L’Egitto ha intanto rinunciato a chiedere un intervento militare internazionale nel Paese, dove all’inizio della settimana l’Is ha decapitato 21 suoi cittadini di fede copta. Mercoledì il ministro degli Esteri del Cairo, Sameh Shoukry, ha chiesto di mantenere un blocco navale per le armi dirette a zone della Libia che non sono sotto il governo delle “autorità legittime”. Di fatto l’Egitto, che nei giorni scorsi ha eseguito alcuni raid aerei contro obiettivi dell’Is in Libia, continua a non escludere operazioni di terra nel Paese vicino.
E il premier Matteo Renzi programma una visita la prossima settimana al Cairo. è quanto si legge sul giornale egiziano al-Ahram, che cita la lettera del presidente del Consiglio consegnata oggi al presidente Abdel Fatah al-Sisi dal sottosegretario alla presidenza Marco Minniti. Nella missiva si parla della cooperazione tra i due Paesi e di una visita ufficiale di Renzi in Egitto (senza precisare il giorno), accompagnato da rappresentanti di 100 aziende italiane, che operano in settori che variano dall’esplorazione petrolifera all’energia solare.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684