Antiparos e Panarea, dalla Grecia alla Sicilia piccoli angoli di paradiso dove la natura trionfa - QdS

Antiparos e Panarea, dalla Grecia alla Sicilia piccoli angoli di paradiso dove la natura trionfa

Nicoletta Fontana

Antiparos e Panarea, dalla Grecia alla Sicilia piccoli angoli di paradiso dove la natura trionfa

venerdì 12 Giugno 2015 - 01:00
Antiparos e Panarea, dalla Grecia alla Sicilia piccoli angoli di paradiso dove la natura trionfa

È possibile trascorrere vacanze all’insegna del relax, del buon cibo e soprattutto godere di un mare meraviglioso

Siamo nel cuore del Mediterraneo nell’isola di Panarea, tra ulivi secolari, profumo di capperi, gialle ginestre e bouganville dal colore rosso intenso che colorano le bianche e tipiche case di questa piccola perla in mezzo al mare.
I faraglioni, come Basiluzzo, Lisca Bianca e Spinazzola fuoriescono dal mare come monumenti di rara bellezza e affittando un un barchino al porto sono facili da raggiungere per fare un bagno nel loro mare trasparente e cristallino. Panarea è per tutti, anche se nel suo profondo ha in se uno spirito Hippy –Chic e diventa meta di Vip che ogni eate si danno appuntamento con le loro lussuose imbarcazioni.
Le spiagge sono calette, come quella di Cala Junco che non essendo attrezzata è forse la più autentica di quest’isola. La Caletta Zimmari offre tutti i servizi per i meno spartani e più esigenti. A spiaggia Calcara una gita vale la pena anche per vedere le caratteristiche “fumarole” vulcaniche che fuoriescono per la presenza del vicinissimo vulcano dell’isola di Stromboli. Una volta li, da non perdere i reperti dell’età del bronzo e di epoca romana che rendono questo luogo molto suggestivo.
Per raggiungere questa caletta bisogna percorrere per circa venti minuti il sentiero che da San Pietro porta verso Ditelle. Le cene a base di carne si consumano da Antonio il Macellaio, in cui dalle sue terrazze panoramiche si può godere di una vista eccezionale.
Da Adelina, lo chef Giovanni Sorano, figlio di audaci pescatori dell’isola si degustano i migliori piatti della tradizione siciliana: il tortino alle acciughe e la pasta con il nero di seppie sono un must e il tutto si gusterà dalla veranda che si affaccia sul porto regalandoci una vista su Basiluzzo.
Le notti si spendono invece al Raya, l’aperitivo è già una buona occasione per godersi il tramonto nella sua mitica terrazza di maioliche bianche e azzurre, la cena al ristorante Bio è meta imperdibile, come la movida che si consuma tra le note della sua intramontabile discoteca e solo ballando fino all’alba avremo la certezza di avere vissuto quest’isola in pieno.
E lo shopping? Qui c’è solo da sbizzarrirsi! L’iconica Boutique del Raya sembra un angolo di Bali con i suoi caftani, parei, collane, braccialetti e oggetti, imperdibile come A’biddikia un negozio di abbigliamento per un look tutto glamour.
Spostandoci in Grecia nelle isole Cicladi, in arriviamo un’altra piccolissima isola: “Antiparos”, sorella della più grande Paros, collegate fino a notte inoltrata da un piccolo traghetto che trasporta i visitatori ogni 20 minuti.
Antiparos è un angolo di paradiso, un luogo dove la natura la fa da padrona. Poco frequentata anche in agosto, qui è possibile trascorrere delle vacanze all’insegna della pace, del buon cibo e soprattutto godere di un mare meraviglioso. Le sue case bianche tipiche della tradizione greca brillano sotto un sole sempre presente. Il villaggio è piccolo, ma offre tutto, da piccole boutique ricercate, a pub e ristorantini tipici dove si può degustare tutto il pesce fresco di questo mare.
Indispensabile affittare uno scooter e una macchina, perché tante sono le spiagge in cui trascorrere le giornate fino a tramonto.
Prima fra tutte Kastro che è costituita da due piccole spiagge che si allungano con un lembo di una sabbia bianca fino all’isolotto di fronte che è bagnato da un mare caraibico. Theologos Beach è la spiaggia per i nudisti di Antiparos, ma a poca distanza si arriva alla spiaggia del tramonto, dove si trovano anche dei locali e un ottimo ristorante in cui è piacevole fermarsi a mangiare. Ad Agios Georgos, a sud dell’isola la spiaggia è sabbiosa e regala la vista di un meraviglioso paesaggio, meta imperidbile ed è il ristorante Capitan Pipinos.
La spiaggia più conosciuta e facile da raggiungere è Psaraliki, proprio perché vicina al centro e facile da raggiungere.
Per la movida notturna ci sposta a Paros: “Nostos”, la discoteca per eccellenza pullula di giovani fino all’alba di giovani, mentre i più tranquilli e romantici trascorreranno le loro serate da Evinos, la musica fa solo da sottofondo e si può godere di uno splendido panorama dalle sue terrazze affacciate sul mare.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684