Nell'83 per cento delle mele residui di pesticidi - QdS

Nell’83 per cento delle mele residui di pesticidi

redazione

Nell’83 per cento delle mele residui di pesticidi

giovedì 22 Ottobre 2015 - 06:30
Nell’83 per cento delle mele residui di pesticidi

L’analisi di Greenpeace “promuove” soltanto la produzione biologica

ROMA – Una mela al giorno, si dice, toglie il medico di torno, soprattutto se è biologica: la coltivazione di questo frutto senza l’uso di fitofarmaci, infatti, esclude ovviamente la presenza di tracce di pesticidi che invece sono state rinvenute nell’83% delle mele prodotte in modo convenzionale.
Nel 60% dei campioni, inoltre, sono state trovate due o più sostanze chimiche. Questi i risultati di un’analisi di Greenpeace su 126 campioni di mele (109 prodotte convenzionalmente e le rimanenti provenienti da coltivazioni biologiche) acquistate nei supermercati di 11 Paesi Europei.
Metà dei pesticidi rilevati, spiega l’associazione in una nota, hanno effetti tossici noti per organismi acquatici come i pesci, ma anche per le api e altri insetti utili. Molte di queste sostanze chimiche, inoltre, sono bioaccumulabili, cioè, una volta rilasciati nell’ambiente, si degradano lentamente e possono risalire la catena alimentare accumulandosi in un’ampia varietà di organismi viventi, finendo così per danneggiare l’intero ecosistema. Infine, a causa dell’incompletezza di dati e conoscenze disponibili soprattutto sugli effetti di residui multipli, non si possono escludere rischi per la salute umana.
La sostanza trovata più frequentemente (sui 39 tipi diversi di pesticidi rinvenuti) è il THPI, un metabolita del fungicida captano. Tutto questo, insieme alla scarsa conoscenza dei possibili impatti dei “cocktail di pesticidi” sull’ambiente e sulla salute, è fonte di grande preoccupazione
Greenpeace chiede ai supermercati di abbandonare l’uso di pesticidi pericolosi – peraltro i residui individuati rientrano nei limiti stabiliti dalle normative – nella produzione ortofrutticola, incentivando gli agricoltori a preferire pratiche di coltivazione sostenibili.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684