Agrigento - Comune: un percorso virtuoso per risanare le casse dell’ente - QdS

Agrigento – Comune: un percorso virtuoso per risanare le casse dell’ente

Silvia Scardino

Agrigento – Comune: un percorso virtuoso per risanare le casse dell’ente

sabato 05 Dicembre 2009 - 00:00

Inventario dei beni aggiornato, anticipazioni di tesoreria giustificate, debiti fuori bilancio in netto calo. L’amministrazione è stata convocata dalla Corte dei conti per fornire chiarimenti

AGRIGENTO – Il Comune è stato chiamato a comparire davanti alla Sezione di Controllo della Corte dei conti, nel contesto delle verifiche finanziarie che i magistrati stanno compiendo in base alla legge 266 del 2005.
La normativa infatti, tra l’altro, dispone che i giudici contabili: “vigilino sull’adozione da parte dell’ente locale delle necessarie misure correttive e sul rispetto dei vincoli e limitazioni posti in caso di mancato rispetto delle regole del patto di stabilità interno”.
La Corte era composta dai magistrati Ignazio Faso, Antonio Dagnino e Licia Centro. Risultato lusinghiero però per la città di Agrigento che ha dimostrato di aver saputo superare tutti i problemi che erano stati segnalati.
L’amministrazione, infatti, era stata invitata a fornire chiarimenti riguardo al mancato aggiornamento dell’inventario dei beni posseduti; al persistente disavanzo della gestione corrente nel periodo 2005-2007; all’eccessivo ricorso alle anticipazioni di tesoreria; al consistente volume dei residui attivi; ai ritardi nella riscossione delle entrate proprie ed all’elevato ammontare dei debiti fuori bilancio. Ma, come hanno potuto constatare i magistrati contabili, frattanto l’inventario è stato aggiornato, le anticipazioni di tesoreria sono state giustificate, i debiti fuori bilancio risultano in forte diminuzione ed inoltre il Comune si sta dando da fare per recuperare i crediti anche attraverso azioni legali.
Erano in aula per l’adunanza, (per delega del sindaco Marco Zambuto) l’assessore al Bilancio Giovanni Volpe, il segretario generale Carmelo Burgio e il dirigente dei servizi finanziari Armando Albano, inoltre sono state fatte pervenire alla Corte alcune memorie in cui è stato illustrato il percorso che ha effettuato l’amministrazione per correggere le irregolarità.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684