Aspirina: 3.000 morti in UK, la regola è di non abusarne - QdS

Aspirina: 3.000 morti in UK, la regola è di non abusarne

redazione

Aspirina: 3.000 morti in UK, la regola è di non abusarne

sabato 17 Giugno 2017 - 06:00
Aspirina: 3.000 morti in UK, la regola è di non abusarne

Studio dell’Università di Oxford: può causare emorragie interne

ROMA – Gli scienziati dell’Università di Oxford mandano un avvertimento: l’aspirina sarebbe responsabile di 3.000 morti nel Regno Unito ogni anno. L’assunzione quotidiana del farmaco, soprattutto per le persone anziane che sono state colpite in precedenza da un ictus o hanno subìto un attacco di cuore, sarebbe, quindi, pericolosa.
Il motivo? Non è un segreto: può causare sanguinamento gastrointestinale – com’è ricordato anche nel foglietto illustrativo. Nel solo Regno Unito ogni anno ci sarebbero circa 20.000 casi di sanguinamento gastrico aspirin-indotto tra tutte le fasce d’età.
Ma la ricerca rappresenta una novità: per le persone anziane con determinate condizioni pre-esistenti tale sanguinamento potrebbe essere fatale. Perché i pazienti che hanno avuto un attacco cardiaco o ictus prendono l’aspirina? Le compresse fluidificano il sangue e possono prevenire così, per esempio, una ricaduta. Pertanto, è necessario che anche l’assunzione di aspirina a tale scopo sia prescritta dal medico.
Tuttavia, inoltre, è importante assume inibitori della pompa protonica secondo gli scienziati di Oxford – se si vogliono prevenire le emorragie nel 90% dei casi.
L’aspirina è pericolosa? L’aspirina è pericolosa solo se si è predisposti ai suoi effetti collaterali e se ne abusa. Solo perché, per esempio, in Regno Unito è gratis la vendita, molte persone esagerano.
L’importante, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è essere consapevoli che si tratta sempre di un farmaco e che è bene consultare sempre un medico.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684