Le Guardie mediche "devono essere armate" - QdS

Le Guardie mediche “devono essere armate”

redazione

Le Guardie mediche “devono essere armate”

martedì 28 Novembre 2017 - 15:00
Le Guardie mediche “devono essere armate”

Parla la dottoressa violentata mentre era in servizio a Trecastagni: "Politica lontana dalle esigenze dei cittadini"

CATANIA – "Tutti noi sappiamo che per la Storia c’è e ci sarà un prima e un dopo 11 settembre. Per la mia vita c’è e ci sarà un prima e un dopo 19 settembre perché ciò che ho subito la notte del 19 settembre è stato orrore, terrore, un atto di terrorismo su di me, ma simbolicamente su tutte le donne, su tutte le italiane, su tutte le colleghe". Sono le parole con le quali stamani Serafina Strano, la dottoressa aggredita e violentata nella guardia medica di Trecastagni nella notte tra il 18 e il 19 settembre scorso dal 26enne Alfio Cardillo, ha manifestato, incontrando i giornalisti a Catania, la "sua rabbia per le mancate risposte di sicurezza da parte dell’Asp dopo l’aggressione" della quale è rimasta vittima.
Durante l’incontro, nella sede dell’Ordine dei Medici, è stato rilevato come quella dei vigilantes a presidiare le guardie mediche sia "l’unica misura reale strutturale" da adottare e sono state definite "fallimentari le misure di sicurezza fin qua adottate".
Serafina Strano è tornata a ribadire come la politica sia "lontana dalle problematiche dei cittadini" e di essere stata "violentata dalle istituzioni". "Questo sistema – ha detto – lo dobbiamo scardinare perché è una questione di mentalità. Fin quando l’Asp non mi dimostra in maniera costruttiva che dà una risposta, ogni lettera, ogni circolare per me sono altri pugni in faccia. Gli orchi stanno anche nei palazzi del potere, uomini e forse anche donne complici di coloro che hanno seviziato, complici di Alfio Cardillo".
Serafina Strano ha affermato che "però tra le istituzioni c’è qualcuno che vuole fare qualcosa", ricordando il suo intervento a Montecitorio e l’incontro con il Presidente della Repubblica, le cui parole le hanno fatto "riacquistare fiducia nell’andare avanti, contribuendo a vincere paura e angoscia". "Ci rendiamo conto – ha concluso – che armare un presidio sanitario può sembrare a prima vista eccessivo, ma lo chiediamo come misura di emergenza perché le guardia mediche sono dei presidi obsoleti".

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684