Migranti: Bartolo, "In Libia lager, questo è il nuovo Olocausto" - QdS

Migranti: Bartolo, “In Libia lager, questo è il nuovo Olocausto”

redazione

Migranti: Bartolo, “In Libia lager, questo è il nuovo Olocausto”

martedì 10 Luglio 2018 - 15:00
Migranti: Bartolo, “In Libia lager, questo è il nuovo Olocausto”

Il medico di Fuocoammare, "Prima mi sentivo orgoglioso di essere italiano, oggi non più". Salvini sui 67 della Vos Thalassa, "Avrebbe dovuto lasciarli alle motovedette libiche". Nella vicenda una probabile violazione del diritto internazionale da parte del governo pentaleghista

"Prima mi sentivo orgoglioso di essere italiano, oggi non lo posso dire più: questa non è un’invasione, ma un nuovo olocausto".
Lo ha detto Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa che il mondo conosce come protagonista del film documentario di Gianfranco Rosi Fuocoammare, vincitore dell’Orso d’oro al Festival di Berlino e candidato agli Oscar 2017.
Bartolo ha denunciato che sui migranti "vengono raccontate tante menzogne: qua a Lampedusa ne sono arrivati alcuni che venivano dalla Libia: quello che stava meglio pesava 30 chili. Altro che Auschwitz".
Per questo motivo i migranti hanno il terrore delle motovedette libiche, eppure il ministro dell’Interno Salvini continua a insistere che devono essere i libici a "salvare" i migranti.
Così ha negato l’autorizzazione alla Vos Thalassa, che aveva preso a bordo 67 migranti, ad attraccare nei porti italiani affermando: "Avrebbe dovuto lasciarli alle motovedette libiche che erano state allertate. Il principio è che in acque libiche intergono i libici".
Ma poiché essere "salvati" dai libici, equivale a morire di stenti, alcuni dei 67 migranti, vedendo comparire le motovedette del Paese africano, hanno reagito male, minacciando l’equipaggio.
Ciò ha consentito al ministro delle Infrastrutture Toninelli di parlare in un tweet di "facinorosi".
Come se tentare di salvare la propria vita fosse un crimine.
"Dietro il calo drastico degli sbarchi – ha denunciato Bartolo – ci sono autentici lager in Libia. La storia purtroppo si ripete. Ci fanno credere che sia in atto un’invasione, raccontandoci bugie e intanto ci troviamo di fronte a un nuovo Olocausto. Ma il popolo italiano non è cattivo, è solo malignamente informato".
E le informazioni che giungono dal governo pentaleghista sono contrastanti. Ieri Luigi Di Maio aveva detto: "Le uniche a cui abbiamo detto no sono le Ong, ma i nostri porti sono aperti e stiamo autorizzando pescherecci, cargo e navi militari a salvare le persone in mare e a venire nei nostri porti".
Niente di più falso se poche ore dopo Salvini e Toninelli hanno impedito alla Vos Thalassa, nave italiana non appartenente ad alcuna ong, di attraccare in Italia.
E dopo i "disordini", è stato autorizzato il trasbordo sulla nave Diciotti della Guardia costiera.
Senza però indicare, neanche stavolta, il porto d’attracco.


Una situazione che lascia perplessi poiché i migranti sono ormai su suolo italiano e il loro respingimento è vietato.
Si configurerebbe dunque una violazione del diritto internazionale.
E appare inoltre improbabile he altri Paesi europei possano accettare di accogliere migranti salvati da una nave italiana e ora a bordo di un mezzo militare italiano.
Oggi a Lampedusa, accompagnato dal sindaco Totò Martello, si è recato il presidente della Regione Nello Musumeci, che ha dichiarato: "Lampedusa è l’isola dell’accoglienza nonostante al momento i porti siano chiusi, ma questo è un problema che deve essere affrontato da tutta l’Europa".
Meno politico Bartolo: "Per oltre 25 anni noi italiani non abbiamo mai messo un filo spinato o un muro. E in questo abbiamo fatto la storia e siamo diventati veramente campioni del mondo. Ma adesso abbiamo alzato due muri: uno in Libia con gli accordi di governo e un altro, monumentale, di paura e d’odio. Mi dispiace perché l’Italia non è questa".

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684