La promessa di De Raho: "Nel 2019 la cattura di Messina Denaro" - QdS

La promessa di De Raho: “Nel 2019 la cattura di Messina Denaro”

redazione

La promessa di De Raho: “Nel 2019 la cattura di Messina Denaro”

mercoledì 09 Gennaio 2019 - 04:00
La promessa di De Raho: “Nel 2019 la cattura di Messina Denaro”

Il procuratore nazionale Antimafia: “Credo che questo sarà l’anno della fine della sua latitanza”

ROMA – “Il 2019 sarà l’anno della cattura di Matteo Messina Denaro’’. Lo ha affermato il procuratore nazionale Antimafia e Antiterrorismo, Federico Cafiero De Raho, nel corso di un’intervista rilasciata a Gnewsonline.it, il nuovo quotidiano d’informazione del Ministero della Giustizia.
De Raho ha tracciato un bilancio del suo primo anno alla guida della Procura nazionale Antimafia e Antiterrorismo, evidenziando i risultati ottenuti e valutando i provvedimenti legislativi adottati in materia di lotta alla corruzione e quelli che favoriranno l’ingresso di nuovi magistrati e di personale amministrativo nella macchina della Giustizia.
Si è anche soffermato sulle figure e sugli insegnamenti di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, ricordando come l’intuizione dei due magistrati abbia modificato profondamente e potenziato le tecniche di indagine e di contrasto alla criminalità organizzata.
Sulla latitanza del boss Messina Denaro, il procuratore ha dichiarato: “Le reti che lo attorniano e che lo sostengono sono sempre numerose ma di volta in volta, mese dopo mese, si interviene tagliandole. Così facendo ci si avvicina all’obiettivo e credo che il 2019 sarà proprio l’anno della fine della sua latitanza”.
La nuova pubblicazione on-line del ministero, come si legge nell’editoriale, punta a essere "un punto di riferimento per l’informazione nell’ambito della giustizia, avendo come bussola i principi del giornalismo e la conseguente autonomia che questi portano con sé. Anche per questa ragione vorremmo che fosse uno spazio di dibattito e cominciamo subito ospitando nelle nostre colonne i contribuiti di alcuni degli attori principali della giustizia”.
Su Gnewsonline.it, infatti, è possibile trovare gli interventi di Andrea Mascherin, presidente del Consiglio nazionale forense, Antonio De Notaristefani, presidente dell’Unione delle Camere civili, Francesco Minisci, presidente dell’Associazione nazionale magistrati e Gian Domenico Caiazza, presidente dell’Unione delle Camere penali.
“Quello di oggi – hanno concluso da Gnewsonline.it – è un passo concreto per attuare quell’apertura delle porte di via Arenula, già intrapresa dal ministro Alfonso Bonafede. E per farlo abbiamo un nuovo strumento, creato grazie alla collaborazione fra l’Ufficio stampa e la Direzione generale per i Sistemi informativi automatizzati del Ministero”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684