Messina - Riserva di Capo Peloro nel degrado totale - QdS

Messina – Riserva di Capo Peloro nel degrado totale

Lina Bruno

Messina – Riserva di Capo Peloro nel degrado totale

sabato 23 Marzo 2019 - 04:00
Messina – Riserva di Capo Peloro nel degrado totale

Città Metropolitana, Comune e Regione alla ricerca di strategie efficienti per superare la paralisi. La Riserva naturale orientata vittima di una situazione cristallizzatasi nel corso degli anni

MESSINA – Un degrado ormai cristallizzato quello in cui versa la Riserva naturale orientata laguna di Capo Peloro. Una questione di cui si torna periodicamente a parlarne senza però che si trovi una via d’uscita alla sovrapposizione di competenze che spesso bloccano anche semplici interventi.
Dopo il video diffuso dal consigliere comunale di LiberaMe Alessandro Russo – realizzato con i componenti del circolo canottieri Peloro – sulle pessime condizioni del sito, della Riserva si è parlato nel corso di una riunione che si è tenuta a Palazzo dei Leoni tra l’assessore comunale Carlotta Previti e i dirigenti e i funzionari dell’assessorato al Territorio e Ambiente della Regione Massimo Rizzuto e Giuseppe Sabatino.
L’assessore Previti ha illustrato il progetto che consentirà di partecipare al bando dei Piani di gestione di Rete natura 2000-Po Fesr 2014-2020, in convenzione con la Città Metropolitana, per la salvaguardia della riserva, messa a rischio dagli sversamenti di acque meteoriche provenienti dai complessi edilizi. I funzionari si sono detti ben disposti a sostenere il progetto, che prevede un finanziamento di 4 milioni di euro e sembra poter soddisfare i requisiti richiesti dall’avviso.
La Città Metropolitana completerà l’azione rifacendo un piano di calpestìo intorno al lago grande, laddove permeabile, al fine di tutelare l’habitat; inoltre sarà posta anche una recinzione di legno nei punti dov’è stata divelta, a tutela della pubblica incolumità.
Il progetto prevede il convogliamento delle acque superficiali, che saranno trattate da impianti di prima pioggia e verranno smaltite attraverso drenaggio. L’obiettivo sarà quello di evitare anche il ripetersi degli allagamenti intorno al Lago Grande a ogni temporale.
Tutto ciò potrebbe dare l’avvio a una sinergia tra Enti per una gestione virtuosa della Riserva orientata istituita nel 2001 e che comprende una superficie di quasi 94 ettari, costituita dai laghi di Ganzirri e di Faro e dai canali di collegamento interlagunari e marini.
La Città Metropolitana a cui è stata affidata non ha però mai assunto un ruolo guida con un Piano che garantisse l’interazione con gli altri due Enti, Demanio regionale e Comune, a cui competono le aree limitrofe a quelle della riserva. Negli anni scorsi, grazie al finanziamento di un altro progetto, sono stati fatti degli interventi sulle recinzioni e sul percorso con panchine e cartelli-guida. Sembrava l’inizio di un cambio di visione nel rapporto tra territorio e Riserva, ma la mancanza di un coordinamento tra istituzioni ha reso complicata qualsiasi iniziativa o attività. Persino tenere pulita l’area può essere un problema senza un raccordo: la scerbatura all’interno spetta alla ex Provincia, all’esterno compete al Comune e il risultato è che spesso prevale l’incuria e il degrado, con cumuli di rifiuti di ogni genere, come mostra il video del consigliere Russo. Le immagini, insieme a un apposito dossier, sono state inviate alla Città Metropolitana.
La Laguna di Capo Peloro è sito di importanza internazionale, inserito nel Water project dell’Unesco del 1972, e Sin riconosciuto dalla Società botanica italiana. All’interno erano individuate 400 specie acquatiche, di cui una decina endemiche e l’area veniva indicata come meta di migliaia di uccelli in migrazione sia autunnale che primaverile. Quale sia adesso lo stato di salute di questo habitat non si sa, ma è chiaro come i vincoli abbiano funzionato soltanto a metà.
Le attività della Riserva sono condizionate infatti da un regolamento restrittivo che non ha comunque impedito, durante gli anni, il sorgere di costruzioni irregolari, ma è stato capace di ostacolare le attività di diporto nel lago Grande.
“Abbiamo l’autorizzazione – ha spiegato il campione di canottaggio Giovanni Ficarra – all’utilizzo di 700 metri di lago su 1,7 Km per vogare con le nostre imbarcazioni. Questo però non basta per degli allenamenti intensivi. Da tempo chiediamo maggiore spazio”.

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684