Fondi Ue per lavoro e integrazione sociale - QdS

Fondi Ue per lavoro e integrazione sociale

Antonio La Ferrara

Fondi Ue per lavoro e integrazione sociale

venerdì 24 Dicembre 2010 - 00:00

Nuovo bando Ue: Progetto pilota per la cooperazione all-inclusive tra autorità pubbliche, aziende e imprese sociali. Il budget che è stato messo a disposizione dalla Commissione europea è di € 1.500.000

PALERMO – Nell’ambito del programma Occupazione, Affari Sociali e Pari Opportunità, è stato pubblicato il bando Progetto pilota – cooperazione all-inclusive tra autorità pubbliche, aziende e imprese sociali a favore dell’inclusione sociale e l’integrazione nel mercato del lavoro
Lo scopo principale di questo progetto pilota è quello di promuovere nuovi modelli di cooperazione tra istituzioni pubbliche, aziende e imprese sociali, al fine di realizzare un più efficace approccio attraverso la creazione di partenariati specifici; ciò permetterà lo sviluppo di spazi permanenti di dialogo e di promuovere la reciproca comprensione e le buone pratiche.
Il progetto dovrebbe anche contribuire a promuovere una maggiore consapevolezza e responsabilità sociale delle imprese e del mondo del lavoro, in particolare nelle comunità locali, proporre soluzioni efficaci ai problemi socio-economici subiti da gruppi appartenenti a specifiche aree sociali e generare risultati misurabili in termini di integrazione dei gruppi vulnerabili, con particolare attenzione all’integrazione in società e nel mercato del lavoro dei giovani disoccupati e di coloro che abbandonano gli studi precocemente.
Il progetto pilota, inoltre, sarà realizzato in collaborazione con alcune delle reti create nell’ambito del programma Progress e del Fse.
I progetti mireranno alla promozione di modelli innovativi di partenariato concentrandosi sulla identificazione, misurazione e validazione di buone prassi che possono essere riprodotte in altri paesi e regioni.
Le attività svolte dai partenariati possono riguardare, a titolo di esempio:
• sviluppo e sperimentazione di metodologie e strumenti innovativi;
• formazione / informazione / azioni di consulenza;
• organizzazione di tavole rotonde, scambi di esperienze e migliori prassi;
• studi di casi, compresi gli studi comparativi della situazione nei diversi Stati membri;
• seminari e conferenze;
• iniziative per favorire la raccolta, l’uso e la diffusione delle informazioni sull’economia sociale, come i siti web, pubblicazioni, newsletter e altri strumenti per la diffusione delle informazioni, tra cui una conferenza di diffusione finale.
Per quanto riguarda i soggetti beneficiari, le domande possono essere presentate da organizzazioni con sede legale in uno dei 27 Stati membri; le organizzazioni candidate possono essere autorità pubbliche o agenzie statali o semi-statali a livello centrale o a livello regionale degli Stati membri dell’Ue.
Il budget messo a disposizione dalla Commissione è di € 1.500.000 e la Commissione sosterrà il costo del progetto fino all’80% dei costi ammissibili.
Relativamente alle modalità di partecipazione le proposte devono essere sviluppate e attuate da un partenariato a livello transnazionale (organizzazioni provenienti da almeno tre Stati membri) e deve coinvolgere almeno tre partner.

Domanda da presentare via web e cartacea entro il 2 marzo 2011
Il termine per la presentazione delle domande è fissato al 2 marzo 2011 per le azioni che iniziano non prima del 1° luglio 2011 e non oltre il 30 settembre 2011; inoltre saranno presi in considerazione solo i progetti con una durata minima di 12 mesi e massima di 18 mesi.
La domanda di sovvenzione deve essere presentata elettronicamente attraverso il sistema Swim (Saga Web Input Module, http://webgate.ec.europa.eu/swim), sistema che permette ai richiedenti/ beneficiari di inserire, modificare, validare, stampare e presentare una domanda di sovvenzione, un reclamo o una richiesta di modifica del bilancio.
Dopo aver inviato il modulo elettronico, la domanda deve essere stampata, firmata (dal rappresentante legale dell’organizzazione che presenta la proposta) e spedita (un originale e due copie), corredandola di tutti gli altri documenti elencati nella lista di controllo al seguente indirizzo postale: Call for Proposals VP/2010/014 European Commission Employment, Social Affairs and Equal Opportunities DG Unit D4 B-1049 Brussels, Belgium.
Per ottenere maggiori informazioni è possibile inviare le proprie domande solo via e-mail all’indirizzo: empl-vp-2010-014_pilotproject@ec.europa.eu.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684