Siremar senza futuro, scadute le fidejussioni. Per il closing persa la stagione del turismo - QdS

Siremar senza futuro, scadute le fidejussioni. Per il closing persa la stagione del turismo

Rosario Battiato

Siremar senza futuro, scadute le fidejussioni. Per il closing persa la stagione del turismo

mercoledì 27 Luglio 2011 - 00:00

Le buste con le offerte sono state presentate lo scorso 25 maggio, da allora nessuna novità sull’iter di cessione. L’80% dei ricavi si realizza in estate, d’ora in avanti sarà più difficile convincere i compratori

PALERMO – Come ampiamente previsto durante la scorsa settimana, si è finalmente chiuso il capitolo Tirrenia. La Cin, Compagnia italiana di navigazione, ha firmato, nei giorni scorsi, il sospirato contratto. Per un problema virtualmente risolto, bisognerà, infatti, ancora attendere il definitivo parere dell’Europa, resta ancora in sospeso la grana tutta siciliana di Siremar con grande danno per l’economia e il turismo siciliani.
Ettore Morace, ad di Cin (Grimaldi, Moby Line e Marinvest) , ha messo la firma sul contratto acquisizione del ramo d’azienda che sancisce il trasferimento di Tirrenia ai privati. Il sospiro di sollievo del contraente Giancarlo D’Andrea, commissario straordinario di Tirrenia che ha guidato questo complicato iter di privatizzazione nel mare in temposta dei conti in rosso della compagnia, potrebbe però trovare ancora l’impaccio dell’Antitrust europea, da cui si attende per settembre il definitivo via libera all’operazione.
Assai più complicata resta la situazione di Siremar. La propaggine regionale di Tirrenia, già rifiutata gratuitamente nel 2009 dalla Regione siciliana perché oberata di debiti, è adesso in una situazione di stallo. Lo scorso 25 maggio erano state aperte le buste con le offerte di Compagnie delle isole (la newco partecipata dalla Regione siciliana e controllata dalla Mediterranea Holding dell’armatore napoletano Salvatore Lauro che ha offerto 69 mln di euro garantiti da fidejussione) e la Società di navigazione siciliana (la spa costituita da Ustica Lines e da Caronte & Tourist che ha offerto 55 mln di euro di cui 30 coperti dalle banche). Eppure si continua inspiegabilmente a prendere tempo e a far perdere di appetibilità la compagnia, visto che l’80% dei ricavi si realizza durante l’estate.
Il 15 luglio scorso sono, inoltre, scadute le fidejussioni col risultato che non esistono più strumenti, per invitare gli armatori a onorare l’impegno. La Siremar resta, quindi, ancorata in una situazione di stallo, e senza speranza con i suoi 500 dipendenti, che in estate sfiorano anche le 800 unità. Bloccata e in continua perdita, pare che non stiano inviogliando nemmeno i contributi statali da 55,6 milioni di euro all’anno per 12 anni. Anche l’interesse paventato dalle due cordate è stato anestetizzato da un’azione poco credibile da parte di chi ha gestito l’intero iter della compagnia regionale. Adesso Siremar (in amministrazione straordinaria) è la società che effettua i collegamenti marittimi da e per le isole minori siciliane, asset dell’ex gruppo Tirrenia e attende la privatizzazione come ultima speranza per uscire dal baratro della crisi.


Tirrenia. UilTrasporti: “Scongiurata tragedia sociale”
ROMA – Con la firma del contratto per l’acquisizione di Tirrenia da parte della Cin “si è scongiurata una vera tragedia sociale che minacciosamente incombeva su migliaia di lavoratori (circa mille in Sicilia, ndr) e sulle loro famiglie”. Lo afferma il segretario generale della Uiltrasporti, Luigi Simeone, rilevando che “è necessario che adesso il confronto sindacale sia serrato e che gli impegni assunti dal Governo circa le garanzie occupazionali e contrattuali vengano messi nero su bianco”.
“Auspichiamo inoltre – prosegue Simeone – un rapido pronunciamento dell’antitrust europea”. Il Governo, conclude il dirigente sindacale, “garantisca adesso la continuità territoriale con la Sardegna e con la Sicilia, che non può dipendere dal possesso o meno di una quota azionaria da parte di una o di entrambe le Regioni o dalla presenza nel CdA della nuova Tirrenia, ma dalla certezza della erogazione delle necessarie sovvenzioni senza le quali nessuno potrebbe assicurare la globalità e regolarità dei servizi”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684