Telefonino si ricarica sotto la luce del sole - QdS

Telefonino si ricarica sotto la luce del sole

Rosario Battiato

Telefonino si ricarica sotto la luce del sole

mercoledì 22 Febbraio 2012 - 04:00

Idea di 3 catanesi. Inventato un dispositivo per ricaricare il cellulare con la luce del sole

CATANIA – In mezzo a tante storie di ordinaria frustrazione, a cervelli e mani in fuga, ogni tanto emerge anche qualche bella storia da raccontare. Un racconto che le lega risorse umane e ambientali dell’Isola in uno speranzoso futuro di miglioramento occupazionale. Tre giovani catanesi, due ingegneri microelettronici ed un fisico, hanno inventato un modo per ricaricare cellulare e altri dispositivi elettronici tramite il sole. Come fare? Bastano un adesivo “corretto” e un filo conduttore lavabile.
Si chiamano Giuseppe Suriani, Michele Corselli, e Salvatore Bagiante, di età compresa tra i 28 e i 30, e sono stati proprio loro a parlare di eRalos3, un rivoluzionario sistema di ricarica che permetterebbe di ricaricare i cellulari con celle fotovoltaiche flessibili, leggere, sagomabili, chiamate SolarWriting, che si applicano, come i più semplici adesivi, ai vestiti con del comunissimo velcro. La loro illuminante storia è stata raccontata da Luisa Santangelo sul Ctzen.it.
Se l’operazione che i tre ragazzi stanno tentando di realizzare dovesse funzionare il nuovo dispositivo permetterebbe di abbandonare il caricabatterie a casa, liberando gli utenti da quella classica e fastidiosa appendice assai comune a chi per lavoro o per altri motivi è obbligato ad essere continuamente reperibile. Anche da questi piccoli segnali passa la rinascita di un paese, soprattutto se coniuga due preziose risorse locali: tecnologia e energie rinnovabili. I tre ragazzi, vincitori di diversi premi in ambito internazionale sono stati sostenuti dall’Istituto di microelettronica e microsistemi del Consiglio nazionale delle ricerche (Imm-Cnr), legato a doppio filo alla St microelectronics in quella che ormai è universalmente riconosciuta come la Etna Valley.
Il dispositivo permette una ricarica completa del telefono in circa tre ore utilizzando i raggi solari, mentre si prevedono tempi lievemente più lunghi qualora si decida di utilizzare la luce artificiale. Ma i ragazzi promettono nuove sorprese nel breve periodo, anche se ci vogliono i fondi. Per continuare a immaginare una Sicilia competitiva anche nel difficilissimo mercato delle nuovi tecnologie occorrono almeno 700 mila euro.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684