A gennaio una flessione delle esportazioni. L’Italia paga soprattutto il deficit energetico - QdS

A gennaio una flessione delle esportazioni. L’Italia paga soprattutto il deficit energetico

redazione

A gennaio una flessione delle esportazioni. L’Italia paga soprattutto il deficit energetico

venerdì 24 Febbraio 2012 - 05:00
A gennaio una flessione delle esportazioni. L’Italia paga soprattutto il deficit energetico

Le stime preliminari dell’Istat appena diffuse parlano di un -5% a fronte di una crescita delle importazioni (+2%). Primo mese in controtendenza: “Nell’ultimo trimestre la dinamica congiunturale è positiva”

ROMA – A gennaio – secondo le stime preliminari Istat – si registra una flessione congiunturale delle esportazioni (-5%) a fronte di una crescita delle importazioni (+2,8%).
Nell’ultimo trimestre la dinamica congiunturale è comunque positiva per le esportazioni (+2,6%) e negativa per le importazioni (-1,3%). A gennaio le esportazioni presentano una crescita tendenziale del 4,8%, rispetto ad una sostanziale stazionarietà delle importazioni (+0,2%). A gennaio 2012 il deficit commerciale con i paesi extra Ue è pari a 5.105 milioni, in miglioramento rispetto a quello di gennaio 2011 (-5.584 milioni).
Il deficit energetico (-6,0 miliardi) è in crescita rispetto a gennaio 2011 (-5,7 miliardi); l’avanzo dell’interscambio di prodotti non energetici si amplia in misura rilevante: da 83 milioni nel 2011 a 917 milioni nel 2012.
A gennaio le esportazioni mostrano incrementi tendenziali superiori al tasso medio di crescita per l’energia (+55%), i beni di consumo non durevoli (+8,1%) e i prodotti intermedi (+7,4%). I beni strumentali e i beni di consumo durevoli sono invece in flessione (rispettivamente -8,1% e -2,5%).
Le importazioni mostrano incrementi tendenziali per l’energia (+12,4%), i beni di consumo non durevoli (+3,8%) e i beni di consumo durevoli (+3,7%). Gli acquisti all’estero degli altri principali raggruppamenti sono in flessione, con una forte riduzione per i prodotti intermedi (-18,5%). I mercati più dinamici all’export sono: Svizzera (+33,4%), Russia (+21,7%), OPEC (+15,5%) e Giappone (+12,4%). Le vendite verso gli Stati Uniti (-19,1%), India (-15,0%) e Cina (-11,8%) sono in netta flessione.
La crescita delle importazioni risulta ampiamente superiore alla media per Stati Uniti (+15,2%), OPEC (+13,5%) e Russia (+3,7%). Sono in diminuzione gli acquisti di beni da Turchia (-21,4%), Cina (-15,8%), Mercosur (-11,2%), EDA (-6,4%) e Giappone (-6,2%).

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684