Abusi e "nero", chiusa struttura nel Messinese - QdS

Abusi e “nero”, chiusa struttura nel Messinese

redazione

Abusi e “nero”, chiusa struttura nel Messinese

giovedì 08 Agosto 2019 - 17:29

Si tratta del Tindari Resort nel complesso turistico di Portorosa del Comune di Furnari. Abusi edilizi, personale non in regola, carenze igienico sanitarie e mancate autorizzazioni. Allontanati i turisti

I Carabinieri dei reparti Nas e Nil insieme ai colleghi di Furnari e alla Polizia municipale hanno sequestrato nel complesso turistico di Portorosa a Furnari (Messina), il Tindari Resort e hanno sospeso la l’attività.

I titolari della struttura sono accusati di abuso edilizio, utilizzo di undici lavoratori in nero, carenze igienico sanitarie e mancata autorizzazione della Scia (certificazione inizio attività).

“C’è arrivata una denuncia dettagliata sulla situazione del Tindari Resort e con gli uomini della Polizia municipale insieme ai Carabinieri siamo dovuti intervenire per verificare le condizioni della struttura e le relative autorizzazioni”, ha detto il sindaco di Furnari Maurizio Crimi che stamani ha disposto il sequestro amministrativo del Tindari Resort e ha sospeso l’attività.

“Abbiamo verificato – ha aggiunto Crimi – e i titolari erano sprovvisti della Scia e nonostante fossero già stati avvertiti di sospendere l’attività avevano proseguito lo stesso. Abbiamo notato anche irregolarità edilizie. I Carabinieri hanno poi riscontrato altre problematiche e abbiamo quindi dovuto sequestrare tutto”.

“Si tratta – ha concluso il Sindaco – di una questione delicata anche perché da tempo esisteva un contenzioso tra vecchi e nuovi gestori che non permetteva di capire a chi fosse attualmente in mano la struttura. Ci dispiace per i turisti che sono stati allontanati e dovranno essere risarciti dai titolari del Resort”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684