Acconto 2019 Imu e Tasi, si avvicina il termine per il versamento - QdS

Acconto 2019 Imu e Tasi, si avvicina il termine per il versamento

Maria Papotto

Acconto 2019 Imu e Tasi, si avvicina il termine per il versamento

giovedì 13 Giugno 2019 - 00:00
Acconto 2019 Imu e Tasi, si avvicina il termine per il versamento

Dovute dai proprietari di immobili, con esenzione per l’abitazione principale, purché non di lusso. Per il pagamento delle imposte i contribuenti hanno tempo fino al 17 giugno

ROMA – Si avvicina il termine per il versamento dell’acconto 2019 di Imu e Tasi in scadenza il 17 giugno – il primo giorno lavorativo successivo, in quanto il 16 giugno cade di domenica.
Imu e Tasi sono dovute da tutti i proprietari di immobili o da chi detiene diritti reali di godimento, con esenzione per l’abitazione principale, non di lusso.

Per il calcolo delle imposte va considerato quanto deliberato per l’anno 2018. Nulla vieta che, qualora qualche Comune abbia già deliberato in materia di aliquote e detrazioni Imu e Tasi, il contribuente possa scegliere di far riferimento alle delibere relative all’anno in corso.

Viene confermata la riduzione del 25% dell’Imu e Tasi “ordinariamente” dovute per gli immobili locati a canone concordato, sulla base di quanto previsto dall’articolo 13, comma 6-bis, D.L. 201/2011. Tale beneficio deriva da una disposizione di legge non derogabile dalla delibera del Comune, la quale invece può prevedere in aggiunta aliquote ridotte dedicate a tale fattispecie, ad esempio a Catania, fino al 2018 per questa fattispecie l’aliquota è 9,60 per mille.

Tuttavia, per poter beneficiare dello sconto del 25% è necessaria la “certificazione” di conformità del contratto rispetto all’Accordo Territoriale di riferimento rilasciata da almeno una delle Organizzazioni firmatarie degli Accordi Territoriali. Al riguardo, l’articolo 1, comma 8, D.M. 16.1.2017 stabilisce, infatti, che “Le parti contrattuali, nella definizione del canone effettivo, possono essere assistite, a loro richiesta, dalle rispettive organizzazioni della proprietà edilizia e dei conduttori. Gli accordi definiscono, per i contratti non assistiti, le modalità di attestazione, da eseguirsi, sulla base degli elementi oggettivi dichiarati dalle parti contrattuali a cura e con assunzione di responsabilità, da parte di almeno una organizzazione firmataria dell’accordo, della rispondenza del contenuto economico e normativo del contratto all’accordo stesso, anche con riguardo alle agevolazioni fiscali”.
L’Agenzia delle Entrate con la risoluzione 31/E/2018 ha confermato che per i contratti di locazione a canone concordato “non assistiti”, l’attestazione rilasciata dall’organizzazione firmataria esplica effetti anche ai fini del conseguimento di tutte le agevolazioni fiscali.

L’eventuale carente versamento è soggetto ad applicazione di una sanzione del 30%, tuttavia è possibile fruire dell’istituto del ravvedimento operoso, la cui misura della sanzione è applicabile sull’importo non versato e in base ai giorni di ritardo, nella fattispecie:
• allo 0,1% per un giorno di ritardo, allo 0,2% per 2 giorni di ritardo, allo 0,3% per 3 giorni di ritardo, e così via fino al 14° giorno di ritardo con riferimento al quale la riduzione è pari all’1,4%;
• all’1,5% in caso di regolarizzazione dal 15° al 30° giorno successivo alla scadenza;
• all’1,67% in caso di regolarizzazione dal 31° al 90° giorno successivo alla scadenza;
• al 3,75% in caso di regolarizzazione dal 91° successivo alla scadenza fino al termine di presentazione della dichiarazione relativa all’anno della violazione.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684