Agrigento, il Covid19 non ferma gli sbarchi dei migranti - QdS

Agrigento, il Covid19 non ferma gli sbarchi dei migranti

Irene Milisenda

Agrigento, il Covid19 non ferma gli sbarchi dei migranti

giovedì 16 Aprile 2020 - 00:00

Gli ultimi casi hanno creato preoccupazione a Lampedusa, Porto Empedocle e Siculiana. Anche i cittadini chiedono chiarezza sulla gestione di emergenze sanitaria e umanitaria

AGRIGENTO – Siamo in piena emergenza sanitaria, ma sulle coste siciliane non si arrestano gli sbarchi dei migranti. Nei giorni scorsi si è registrato il primo caso positivo di Covid-19 (un egiziano arrivato a Lampedusa e poi trasferito a Pozzallo) e adesso c’è tanta preoccupazione, non solo da parte degli amministratori locali ma soprattutto fra i cittadini, che chiedono chiarezza sulla gestione dei migranti.

A Porto Empedocle il sindaco Ida Carmina ha deciso di chiudere il porto, mentre le ultime persone arrivate a Lampedusa, visto che l’hotspot di contrada Imbriacola è ormai al collasso, sono state trasferite nell’ex hotel Villa Sikania di Siculiana, diventato ormai da tempo centro d’accoglienza. Ma anche questa scelta ha sollevato un vespaio di polemiche. “Non ci è stata data – ha detto il sindaco Leonardo Lauricella – una preventiva comunicazione. Dalla Prefettura hanno ritenuto opportuno avvisarmi nel momento in cui le operazioni di trasferimento nella nostra città si sono concluse”.

Il primo cittadino si è detto pronto “a procedere con per vie legali se è necessario. Siculiana non possiede le strutture adeguate a fronteggiare casi di Coronavirus e il centro d’accoglienza di Villa Sikania non le possiede nemmeno. È ora che la Prefettura assuma un atteggiamento responsabile nei confronti dei siculianesi, che potrebbero andare incontro a un grave e imminente rischio per le proprie salute e incolumità”.

Nel frattempo il sindaco Lauricella ha firmato un’ordinanza in cui si stabilisce che oltre ai migranti anche gli operatori della struttura dovranno rispettare la misura dell’isolamento obbligatorio/quarantena fino alla data del 26 aprile prossimo, salvo diversa successiva disposizione.

Al grido del sindaco di Siculiana si sono uniti altri amministratori dell’Agrigentino e sulla vicenda è intervenuto anche il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, che ha chiesto una soluzione rapida al premier Giuseppe Conte. “Troppi migranti – ha detto Musumeci – e nessuno pensa al Virus. Non possiamo rischiare un incontrollato flusso dall’Africa. L’unica soluzione possibile è la quarantena su un’apposita e idonea nave ormeggiata in rada con 488 posti, dotata di protocolli sanitari e di tutte le autorizzazioni. Ma non sappiamo ancora cosa abbia deciso lo Stato dopo la nostra proposta”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684