Algeria, giovedì elezioni per il nuovo capo di Stato - QdS

Algeria, giovedì elezioni per il nuovo capo di Stato

redazione

Algeria, giovedì elezioni per il nuovo capo di Stato

mercoledì 11 Dicembre 2019 - 00:00
Algeria, giovedì elezioni per il nuovo capo di Stato

I cinque candidati hanno tutti legami con il regime di Bouteflika

ALGERI – Urne aperte giovedì prossimo in Algeria per eleggere un nuovo presidente, ma il movimento di opposizione Hirak, affermatosi negli ultimi nove mesi con le manifestazioni di piazza che lo scorso aprile hanno portato alle dimissioni del presidente Abdelaziz Bouteflika, ritiene che le consultazioni non servano ad altro che a riabilitare il sistema al potere nel Paese dall’indipendenza, nel 1962.

Una preoccupazione molto sentita dal popolo algerino, soprattutto dopo la sentenza di ieri con la quale due ex premier, Ahmed Ouyahia e Abdelmalek Sellal, sono stati condannati rispettivamente a 12 e 15 anni di carcere per corruzione. Le condanne sono state emesse al termine di un processo che ha visto 19 imputati, tra cui altri ex uomini politici e imprenditori del settore automobilistico, chiamati a rispondere alle accuse di corruzione, riciclaggio di denaro e abuso di ufficio.

Giovedì sarà quindi cruciale l’affluenza alle urne, per riconoscere la legittimità del nuovo capo di Stato. Ma stando a un rapporto in mano al capo di Stato maggiore, il tasso di partecipazione sarà molto basso. L’astensione dovrebbe riguardare gran parte del Paese e non solo i centri urbani: la regione di Cabilia registrerebbe un tasso di boicottaggio del voto pari a quasi il 100%, mentre ad Algeri e nelle altre grandi Città del Nord, come Orano, Annaba, Setif e Constantine si toccherà tra il 75 e l’80 per cento di astensione. Non a caso, domenica scorsa, ultimo giorno di campagna elettorale, tutti e cinque i candidati alla massima carica dello Stato hanno definito “cruciale” la partecipazione al voto per mettere fine alla crisi e tutelare stabilità e sicurezza del Paese.

I cinque candidati hanno tutti legami con il sistema di potere algerino e due di loro hanno anche ricoperto la carica di primo ministro sotto la presidenza di Bouteflika, altri due la carica di ministro. Tuttavia, nella sua recente visita a Roma per i Med Dialogues, il ministro degli Esteri algerino Sabri Boukadoum ha assicurato che il voto in programma giovedì sarà “libero e trasparente”, sottolineando come “per la prima volta le elezioni saranno monitorate da un’autorità indipendente, composta da magistrati e membri della società civile”, e non dal ministero dell’Interno.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684