Ambiente, sindaco San Vito Lo Capo, "No ai fanghi del porto di Trapani in mare" - QdS

Ambiente, sindaco San Vito Lo Capo, “No ai fanghi del porto di Trapani in mare”

web-mp

Ambiente, sindaco San Vito Lo Capo, “No ai fanghi del porto di Trapani in mare”

web-mp |
domenica 14 Novembre 2021 - 18:05

Il sindaco Peraino: "L'ipotesi di riversare in mare circa 415 mila metri cubi di fanghi costituirebbe un rischio ambientale ed anche economico"

“I fanghi derivanti dall’escavazione dei fondali del porto di Trapani non vanno sversati in mare”. Fermo no dell’amministrazione comunale di San Vito Lo Capo alla ipotesi, ventilata in queste ore, di riversare in un tratto di mare prospiciente la Riserva naturale orientata di Monte Cofano, a circa 2,5 miglia nautiche dalla costa di Custonaci e in prossimità del litorale di San Vito Lo Capo, i fanghi provenienti dall’escavazione dei fondali del porto del capoluogo di provincia.

“Il mare incontaminato di quel tratto di costa è uno scrigno, ricco dal punto di vista ambientale e di specie ittiche che lo popolano, che va tutelato da qualsiasi elemento estraneo e potenzialmente inquinante che possa turbare l’ ecosistema marino e rischiare di deturparne le acque cristalline – afferma il sindaco Giuseppe Peraino -. L’ipotesi di riversare in mare circa 415 mila metri cubi di fanghi costituirebbe un rischio ambientale ed anche economico. Basti pensare a coloro che vivono di pesca, ma anche in termini di danno di immagine ai fini turistici, se consideriamo i tanti visitatori che apprezzano proprio quel tratto costiero per la sua bellezza selvaggia e la limpidezza del suo mare. Lo sversamento dei fanghi in mare- conclude il sindaco- non può essere la soluzione al problema del loro smaltimento”.

Il sindaco invierà una nota all’Autorità portuale di sistema della Sicilia occidentale e alla Regione per chiedere, qualora la notizia ventilata in queste ore fosse vera, di rivedere tale decisione.

In caso contrario, sindaco e amministrazione comunale sono “pronti ad avviare qualsiasi iniziativa che possa bloccare uno scempio ai danni del patrimonio ambientale, alla flora e alla fauna auspicando la partecipazione solidale non solo dei sindaci dei vicini Comuni costieri ma anche delle altre Istituzioni e della società civile”, ricordando che proprio grazie a una mobilitazione generale venne bloccata, negli anni ’70, la nascita di una raffineria, sempre in quel tratto di mare. (ANSA).

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684