Anziani, truffe romantiche in aumento. Ecco i consigli utili per difendersi - QdS

Anziani, truffe romantiche in aumento. Ecco i consigli utili per difendersi

redazione

Anziani, truffe romantiche in aumento. Ecco i consigli utili per difendersi

sabato 05 Novembre 2022 - 05:24

Crescono i raggiri online: complici pandemia e solitudine. FederAnziani: “Diffidare da chi richiede denaro e non inviare copie di documenti”

ROMA – A causa anche della pandemia, che ha inciso sull’isolamento e la solitudine, le “romance scam”, lo cosiddette le truffe romantiche, sono in aumento nel nostro paese. Si tratta di uno dei raggiri più dolorosi di cui si può cadere vittima perché oltre al danno economico, vi è anche un danno psico-fisico per essere stati manipolati colpendo la sfera dei sentimenti. A dirlo Senior Italia FederAnziani, la federazione delle associazioni della terza età.

I più colpiti sono gli anziani, soprattutto donne che nella speranza di un nuovo amore o di un po’ di compagnia, cadono nella trappola amorosa di malviventi che, dopo aver conquistato la fiducia della vittima con messaggi, racconti, confidenze, iniziano a chiedere denaro accampando una serie di motivazioni legate a gravi motivi di salute o alla voglia di acquistare i più svariati titoli di viaggio per raggiungere la vittima, incontrarla e vivere insieme.

La vittima, che ormai dipende emotivamente da quel legame, crede al suo interlocutore e alle sue difficoltà e inizia ad assecondare le richieste con l’invio di denaro. Si tratta di somme ingenti che, a seconda dei casi e della capacità economica della vittima, possono arrivare a raggiungere le centinaia di migliaia di euro. I malviventi effettuano un’attività di vera e propria social engineering finalizzata a studiare i comportamenti, le abitudini, nonché gli interessi che la vittima manifesta nel navigare in rete; analizzano inoltre i contenuti che questa condivide sui social, i commenti e i “like” che lascia sui post, instaurando un rapporto di confidenza e amicizia.

FederAnziani fornisce alcuni consigli utili per difenderci:

  • Impariamo a riconoscere un profilo fake: possiamo verificare sui motori di ricerca se quel nome è stato già denunciato, se la foto è autentica, oppure controllare l’anzianità dell’account sui social network.
  • Informati sulle tipologie di truffa esistenti
  • Diffida di chi utilizza un italiano sgrammaticato
  • Diffida di chi ti chiede denaro con insistenza
  • Facciamo una verifica delle amicizie in comune, può essere utile
  • Insospettiamoci se alla richiesta di fare una videochiamata, ci viene sempre risposto che non è possibile, magari perché non funziona bene la telecamera o la connessione.
  • Non forniamo mai informazioni sulla nostra carta di credito o sul conto online.
  • Non inviamo copie di documenti personali.
  • Non firmiamo alcun contratto.

FederAnziani, inoltre, invita a denunciare all’autorità giudiziaria, anche tramite Polizia Postale questi fatti criminosi e di essere estremamente cauti con le persone che non si conoscono fisicamente chiedendo, eventualmente, un parere ad una persona di fiducia su quanto sta accadendo e ci vede coinvolti direttamente.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001