Ascensore precipitato a Palermo, come stanno i 3 feriti: aggiornamenti

Ascensore precipitato dal 5° piano: feriti gravi ma non in pericolo di vita, gli aggiornamenti

webms

Ascensore precipitato dal 5° piano: feriti gravi ma non in pericolo di vita, gli aggiornamenti

webms |
venerdì 01 Luglio 2022 - 11:36

Sono critiche le condizioni dei 3 feriti a Palermo, dove ieri un ascensore è precipitato dal quinto piano. Proseguono le indagini: gli ultimi aggiornamenti.

Sono in prognosi riservata, ma fortunatamente non in pericolo di vita, le 3 persone rimaste ferite dopo che un ascensore precipitato dal quinto piano di un palazzo di largo Vincenzo Balistreri a Palermo.

Si continua a indagare sulla vicenda. Ecco gli ultimi aggiornamenti.

L’ascensore precipitato a Palermo e i 3 feriti gravi

Come già specificato, le 3 persone ferite sarebbero tutte in gravi condizioni ma non in pericolo di vita. Si tratta, al contrario di quanto dichiarato nelle ore immediatamente successive ai fatti, di due donne e un uomo.

L’uomo è V. R., operaio della Reset di 65 anni, che si occupa della manutenzione del verde nella seconda circoscrizione di Palermo. Le donne, invece, sono N. R. e S. R., rispettivamente moglie e cognata dell’operaio, di 59 e 54 anni.

V. R., in seguito al drammatico evento in ascensore, avrebbe riportato numerose fratture e quindi dovrà subire degli interventi chirurgici. In un primo momento è stato trasferito in ambulanza all’ospedale Buccheri La Ferla di Palermo; una volta stabilizzato, è stato ricoverato al Trauma Center di Villa Sofia.

Anche la moglie avrebbe riportato diverse fratture e al momento si trova ricoverata all’ospedale Civico, in reparto Ortopedia. La sorella della 59enne, invece, si troverebbe ancora nel reparto di Rianimazione del Policlinico palermitano. Avrebbe subìto un’operazione nelle scorse ore.

Le indagini, Falcone: “Accertare responsabilità”

Proseguono le indagini su quanto accaduto ieri pomeriggio a Palermo. Al momento la polizia starebbe verificando la documentazione sull’installazione dell’ascensore e sulle manutenzioni eseguite (o non eseguite).

L’assessore Falcone è intervenuto ieri, poco dopo l’accaduto, chiedendo di fare immediatamente chiarezza sulla vicenda e sulle responsabilità. “Confidiamo che le eventuali responsabilità vengano rapidamente accertate, nell’interesse di tutti. Ma prima di tutto ci stringiamo alle tre persone rimaste coinvolte in questa drammatica circostanza”, ha dichiarato.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684