Assegno unico 2023, quando scatta l'aumento? Importi più alti non per tutti

Assegno unico 2023, quando scatta l’aumento? Importi più alti ma non per tutti

lamantia

Assegno unico 2023, quando scatta l’aumento? Importi più alti ma non per tutti

Redazione  |
sabato 31 Dicembre 2022 - 10:06

Con la legge di bilancio via libera agli incrementi grazie alla rivalutazione. Ma sono necessari dei requisiti specifici legati ai figli per beneficiare della maggiorazione

Cambia l’assegno unico. Gli importi saranno più alti grazie alla rivalutazione di legge, ma in tanti si chiedono a quanto ammonta l’incremento e da quando scatterà. L’Inps lo ha chiarito attraverso le indicazioni operative. In sostanza l’ente è pronto a riconoscere gli aumenti in base alla rivalutazione legata all’aumento del costo della vita che sarà resa nota con decreto ministeriale.

Assegno unico, quando arriva l’aumento

A partire da febbraio 2023 e “fatto salvo il diritto ad eventuali aumenti spettanti a decorrere da gennaio”, l’assegno unico sarà erogato con la rivalutazione di legge. Non saranno tutti a beneficiarne però, come chiarisce l’Inps. L’adeguamento, infatti, sarà solo per le famiglie più numerose con figli piccoli e chi ha figli disabili, come prevede la legge di bilancio.

Assegno unico, a chi spettano gli aumenti

Per il 2023, come ha specificato l’Inps, è previsto l’aumento del 50% della maggiorazione forfettaria, per i nuclei con almeno 4 figli, che sale a 150 euro mensili a nucleo.

Previsto anche l’aumento del 50% dell’assegno per i nuclei familiari numerosi, con tre o più figli a carico, limitatamente ai figli di età compresa tra uno e tre anni per i quali l’importo spettante per ogni figlio aumenta del 50%, per livelli di Isee fino a 40.000 euro.

Con la legge di bilancio è stato dato l’ok anche all’aumento del 50% dell’assegno, da applicare agli importi spettanti secondo le fasce Isee di riferimento, per i nuclei familiari con figli di età inferiore a 1 anno.

La manovra interviene anche in favore dei nuclei con figli disabili, disponendo la corresponsione a regime degli aumenti che erano stati riconosciuti nel corso del 2022. La maggior parte delle famiglie con figli non si vedrà, quindi, adeguare l’assegno all’inflazione. “L’Inps è già pronta a riconoscere le maggiorazioni e la rivalutazione degli assegni” ha annunciato Vincenzo Caridi, direttore generale dell’Inps. Gli importi definitivi saranno comunicati con una successiva circolare dell’Inps”.ì

Tag:

Articoli correlati

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001