Ast, sindacati "Da politica solo silenzi, presidieremo i palazzi" - QdS

Ast, sindacati “Da politica solo silenzi, presidieremo i palazzi”

dariopasta

Ast, sindacati “Da politica solo silenzi, presidieremo i palazzi”

Redazione  |
giovedì 05 Gennaio 2023 - 18:04

Ad annunciarlo, a pochi giorni dalla scadenza dell’annunciato cambio dei vertici dell’Azienda, sono i sindacati regionali

Dalla politica hanno ricevuto “solo silenzio” e ora i lavoratori dell’Azienda Siciliana Trasporti sono pronti a presidiare i Palazzi del governo e dell’Ars. Ad annunciarlo, a pochi giorni dalla scadenza dell’annunciato cambio dei vertici dell’Azienda, sono i sindacati regionali Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal e Ugl autoferrotranvieri.

Le sigle: “Chiesto confronto urgente ai due assessorati”

“Abbiamo esortato il neo governo regionale a farsi subito carico delle criticità della propria azienda di trasporto pubblico gommato – dicono – abbiamo chiesto un confronto urgente ai due assessorati interessati, Economia e Trasporti, e nessuna risposta è pervenuta. Abbiamo domandato audizione alle due commissioni Ars, seconda e quarta, e anche in questo caso la replica è stata il silenzio. Il silenzio assordante della politica, unitamente all’introversa gestione dell’azienda, ci induce a proclamare presidi dei lavoratori sotto il palazzo del governo regionale e dell’Ars”.

“La nuova governance politica e tecnica della società è apparsa decisamente introversa, forse un compito sproporzionato, forse inadeguato, certo è che i tempi del confronto al tavolo sindacale risultano decisamente inappropriati – aggiungono i sindacati – Il tempo scorre inesorabile ed è necessario fare chiarezza sulle modalità con le quali mettere in sicuro i conti dell’azienda e restituire serenità ai circa 800 lavoratori, diretti ed indiretti. Serve un immediato confronto con la proprietà, Regione Siciliana, si butti giù la maschera e si dica realmente cosa riserva il futuro per i lavoratori”.

“La storia – concludono – insegna che gli scherzi della pseudo-politica e della burocrazia pedante vengono spesso pagati solamente da cittadini e da lavoratori. Non resteremo inermi ad aspettare un confronto che ci è dovuto e che continua irresponsabilmente a latitare. Auspicavamo un cambio di passo del nuovo governo regionale, dialogo e confronto costante, non lo intravediamo. Presidieremo quindi i palazzi del governo e l’Assemblea regionale, da quei portoni la politica dovrà pur passare”.

Tag:

Articoli correlati

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001