Bancarotta Tecnis, Bosco e Costanzo condannati a Catania - QdS

Bancarotta Tecnis, Bosco e Costanzo condannati a Catania

redazione web

Bancarotta Tecnis, Bosco e Costanzo condannati a Catania

lunedì 26 Aprile 2021 - 21:43

Sentenza del Gup per i due imprenditori e altri due imputati, tutti con il rito del patteggiamento. Disposta anche la restituzione ai commissari liquidatori di beni ancora sequestrati

Il Gup di Catania, Simona Ragazzi, ha condannato, con il rito del patteggiamento, gli imprenditori Mimmo Costanzo e Concetto Bosco, rispettivamente, a tre anni e otto mesi e a 4 anni di reclusione per la bancarotta della Tecnics, azienda che operava nel settore delle opere pubbliche.

Comminati anche, con lo stesso rito, tre anni e quattro mesi a Orazio Bosco, fratello di Concetto, e due anni di reclusione a Gaspare Di Paola.

La sentenza dispone anche la restituzione di beni ancora sequestrati ai commissari liquidatori della società.

Altri beni sequestratati erano stati già riconsegnati alla Tecnis.

L’inchiesta si basava su indagini del nucleo di Polizia economica finanziaria della Guardia di finanza di Catania erano sfociate, il 21 febbraio del 2020, nell’arresto dei quattro indagati e al sequestro di beni per circa 94 milioni di euro.

Secondo la Procura di Catania il “management della Tecnis” ha “spogliato la società di quasi 100 milioni di euro, dal 2011 al 2014, aggravandone il dissesto e rendendola insolvente”.

L’inchiesta, coordinata dal procuratore Carmelo Zuccaro, dall’aggiunto Agata Santonocito e dai sostituti Alessandra Tasciotti e Fabio Regolo, e gli accertamenti del nucleo Pef della Gdf ricostruirono la fitta rete di connessioni tra le società della galassia Tecnis, che operava quasi sempre su appalti pubblici e che all’avvio della procedura di amministrazione straordinaria disponeva di un portafoglio commesse pari a 700 milioni di euro, aveva circa 600 dipendenti ed era gravata da un passivo accertato di quasi 180 milioni di euro, di cui 94 milioni per debiti erariali.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684