Nuovi bandi collegamenti per le Eolie, esplode la protesta - QdS

Nuovi bandi collegamenti per le Eolie, esplode la protesta

Web-al

Nuovi bandi collegamenti per le Eolie, esplode la protesta

Web-al |
venerdì 01 Ottobre 2021 - 10:52

Nelle sette isole dell'arcipegalo albergatori, operatori turistici, imprenditori e i politici protestano per i nuovi bandi dei trasporti marittimi indetti dalla Regione

“I nuovi bandi dei trasporti marittimi indetti dalla Regione sono penalizzanti per le Eolie”. Nelle sette isole dell’arcipegalo albergatori, operatori turistici, imprenditori e i politici protestano.

LA SITUAZIONE NELLE ISOLE

Al Comune di Lipari si è riunita la commissione trasporti, presieduta da Fulvio Pellegrino (Lega) e dopo aver esaminato le nuove proposte i consiglieri del centrodestra e del centrosinistra hanno deciso di convocare una seduta straordinaria del Consiglio comunale.

A Filicudi gli abitanti, con in testa Graziella Bonica, parlano di “ulteriore scippo alla mobilità eoliana. Abbiamo orari di aliscafi che non consentono, per esempio, la mobilità degli studenti che frequentano le superiori a Lipari; né un prelievo di sangue per banali esami; né l’agevole accesso agli uffici del Comune. Orari estivi che prevedono prime partenze da Filicudi alle 11 e 45 con arrivo a Lipari intorno alle 13. Occorre una ferma presa di posizione di tutti”.

A Ginostra, i 40 abitanti, guidati da Gianluca Giuffrè, si sono rivolti anche al presidente della Regione Nello Musumeci. “Abbiamo, partecipato attivamente ai tavoli di concertazione, propedeutici alla stesura della”Rete integrata dei servizi pubblici di trasporto marittimo con le isole minori – spiega Christian Del Bono, presidente della Federalberghi delle isole di Sicilia – dove è stata finalmente recepita la necessità di una media stagione. Rimaniamo invece particolarmente dubbiosi e preoccupati sia per l’attribuzione di risorse ad alcune tratte di minore interesse, a scapito di altre, sia sugli itinerari orari che in alcuni casi risultano particolarmente penalizzanti nella bassa e media stagione. Chiediamo che la politica si attivi”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684