Beni culturali: economia del bello per i siti Unesco - QdS

Beni culturali: economia del bello per i siti Unesco

redazione

Beni culturali: economia del bello per i siti Unesco

sabato 04 Maggio 2019 - 17:16
Beni culturali: economia del bello per i siti Unesco

In Sicilia sono sette e sono oggetto di un convegno di due giorni che è svolto a Cefalù, nel Palermitano, con tecnici, studiosi e operatori. La necessità di "fare sistema"

Attorno ai sette siti Unesco siciliani può svilupparsi una “economia della bellezza”. Ma l’offerta non può limitarsi all’ingente patrimonio culturale di cui è ricca la Sicilia.

Occorre un’organizzazione strutturale, un vero “sistema” in grado di rispondere alle richieste di un turismo che cerca anche servizi, mobilità fruibile e qualità dell’accoglienza.

E’ l’avvertenza di tecnici, studiosi, operatori culturali che per due giorni si sono confrontati a Cefalù attorno all’idea di dare vita a una rete tra i siti siciliani. Il modello di governance preso come riferimento è quello dell’itinerario arabo-normanno che comprende le tre cattedrali di Palermo, Monreale e Cefalù. Dal convegno è venuta quindi l’indicazione di un coordinamento delle strategie e della “governance” dei siti in grado di favorire sinergie e innovazioni.

Questa strategia, ha detto Antonio Purpura dell’Università di Palermo ed ex assessore regionale ai Beni culturali, ancora non c’è. Oppure è insufficiente a mettere in atto azioni attrattive in grado di indurre i turisti a permanere in Sicilia più di 2,7 giorni, che è la media delle presenze individuali, e a convincerli a ritornare.

Il principio della uniformità di gestione è stato richiamato, nell’intervento conclusivo, da Leoluca Orlando, sindaco della città metropolitana di Palermo e presidente del comitato di pilotaggio del sito arabo-normanno. Orlando ha ribadito, in particolare, l’importanza di una “politica culturale propositiva perché inclusiva e in grado di coinvolgere talenti, idee e competenze”.

“Guardiamo ai contenuti e non ai contenitori”, ha concluso auspicando una legge regionale per disciplinare la governance del patrimonio Unesco nella regione più ricca del mondo per riconoscimenti della World Heritage List.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684