Blutec, Meccatronica, bando evanescente e poco intellegibile - QdS

Blutec, Meccatronica, bando evanescente e poco intellegibile

redazione web

Blutec, Meccatronica, bando evanescente e poco intellegibile

venerdì 29 Maggio 2020 - 18:37
Blutec, Meccatronica, bando evanescente e poco intellegibile

Il Distretto non presenta alcuna proposta per la produzione di Dpi. il Il presidente Mineo, "avevamo costruito una squadra per trasformare il sito di Termini Imerese in un hub per la produzione di dispositivi e tecnologie sanitarie". Poi la decisione di rinunciare a causa del bando



Nonostante un piano d’investimenti immediati per dodici milioni di euro per progetti di alta tecnologia consegnati in marzo alla Regione siciliana con il coinvolgimento di un gruppo di aziende siciliane impegnate nella produzione di dispositivi di sicurezza e protezione “made in Sicily”, il Distretto Meccatronica ha deciso di non presentare alcuna manifestazione d’interesse per il sito ex Fiat di Termini Imerese.

L’avviso pubblicato dai commissari straordinari di Blutec per la presentazione delle manifestazioni è scaduto alle dodici di oggi.

“Per settimane dice il presidente di Meccatronica, Antonello Mineo -il nostro ufficio legale ha studiato in modo approfondito i termini dell’accordo di programma, frattanto abbiamo coinvolto anche partner del Nord Italia interessati al progetto, costruendo una squadra pronta a impegnarsi in un piano a lungo termine per la trasformazione del sito di Termini Imerese in un hub per la produzione di dispositivi e tecnologie sanitarie”.

“Ci siamo resi conto però – ha aggiunto – che il bando è poco intellegibile, il percorso è talmente accidentato che qualsiasi azienda che intenda investire in un progetto di sviluppo ha tempi e modalità operative completamente differenti e non coincidenti rispetto a un procedimento evanescente e poco sostenibile”.

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684