Blutec, verso una soluzione per la fuoriuscita dei lavoratori - QdS

Blutec, verso una soluzione per la fuoriuscita dei lavoratori

web-la

Blutec, verso una soluzione per la fuoriuscita dei lavoratori

web-la |
sabato 14 Maggio 2022 - 15:13

Approvato stanotte dall’Ars il maxiemendamento alla legge di stabilità regionale che comprende tra le altre, la norma che consentirebbe la fuoriuscita anticipata dei lavoratori Blutec

Approvato stanotte dall’Ars il maxiemendamento alla legge di stabilità regionale che comprende tra le altre, la norma che consentirebbe la fuoriuscita anticipata dei lavoratori Blutec dell’area complessa di Termini Imerese.

Le parole

“Abbiamo ben chiaro che l’alto numero dei lavoratori scoraggia investitori a cogliere la sfida per rilanciare ed investire sulla Vertenza ex Fiat di Termini Imerese. Questa norma è un tassello importante non solo perché tutela i lavoratori che sono prossimi alla pensione, ma soprattutto perché da una possibilità seria a chi rimane nel bacino di trovare una soluzione concreta di occupazione”, commenta Antonio Nobile segretario generale Fim Cisl Palermo Trapani.

“Questa soluzione – aggiunge assieme al segretario generale Cisl Palermo Trapani Leonardo La Piana -, passa dal rinnovo dell’accordo di programma nazionale che deve essere da supporto alla vertenza con le risorse che servono per riqualificare e reindustrializzare il polo industriale. Ci aspettiamo adesso un’accelerata su questo punto tenendo ben presente che come previsto nell’accordo scaduto l’impegno è quello di ricollocare e tutelare il bacino di lavoratori diretti dell’ex Gruppo Fiat e i lavoratori già appartenenti a società dell’indotto connesso alla produzione pregressa dello stabilimento Fiat”.

Il caso Blutec

La Piana e Nobile concludono “da tempo chiedevamo che le istituzioni si prendessero carico concretamente della vertenza alla deriva ormai da anni. La Regione Siciliana come testimonia questo passaggio ha un ruolo determinante sulla vertenza e deve giocare da protagonista, non può essere soltanto spettatore. E’ un primo passo che va concretizzato e finalizzato con l’obiettivo di far tornare a lavoro gli ex lavoratori Fiat e quelli dell’indotto. Il lavoro non finisce qui ovviamente, ci aspettiamo che, con lo stesso impegno e senso di responsabilità, si segua da vicino la vertenza per i delicati e successivi passi, a partire dal rinnovo dell’accordo di programma”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684