Bonus 550 euro lavoratori part time, ecco come ottenerlo - QdS

Bonus 550 euro per lavoratori part time verticale o ciclico, requisiti e come ottenerlo

web-sr

Bonus 550 euro per lavoratori part time verticale o ciclico, requisiti e come ottenerlo

Salvatore Freni  |
sabato 13 Agosto 2022 - 09:14

Una apposita legge prevede tale indennità da erogarsi da parte dell’INPS nel 2022. Ecco quali sono i requisiti e cosa bisogna fare per ottenerlo

L’art. 2-bis del decreto legge 17 maggio 2022, n. 50 convertito con modificazioni dalla legge 15 luglio 2022, n. 91 di cui i primi chiarimenti sono forniti dal messaggio INPS n. 3097 dello scorso 5 agosto 2022 istituisce l’indennità citata in epigrafe (indennità una tantum di 550 euro) da erogare, da parte dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS), ai titolari di un rapporto di lavoro privato a part time vertice o ciclico.

Con successiva circolare, attuativa della richiamata disposizione, saranno fornite le indicazioni operative di dettaglio della misura in commento.

Cos’è un rapporto di lavoro a part time verticale o ciclico

  • Il rapporto di lavoro a tempo parziale o a part time è un rapporto di lavoro con una durata ridotta rispetto alle previsioni dei contratti collettivi di lavoro, i quali prevedono, in genere, da sei ad otto ore di lavoro al giorno, per cinque o sei giorni la settimana e per circa undici mesi l’anno, nel quale caso si ha un rapporto di lavoro a tempo pieno o a full time; orbene, il rapporto di lavoro in argomento (part time) prevede una durata inferiore, tale riduzione dà luogo a tre diverse categorie di rapporto di lavoro a tempo parziale, cioè:
  • part time orizzontale – nel quale la riduzione lavorativa riguarda l’orario giornaliero; ad esempio se il contratto collettivo applicato prevede un orario giornaliero di otto ore, il lavoratore a part time lavora soltanto quattro ore al giorno;
  • part time verticale – nel quale la riduzione lavorativa riguarda il numero di giorni in una settimana o le settimane in ciascun mese oppure i mesi in un anno; ad esempio un contratto di lavoro di questo tipo può prevedere una prestazione lavorativa a settimane alterne in ciascun mese, ovvero una prestazione lavorativa soltanto nei mesi estivi (tale categoria è quella di cui ci occupiamo);
  • part time misto – nel quale si alternano periodi di lavoro a tempo pieno a periodi di lavoro a tempo parziale; ad esempio un lavoratore presta la sua opera a tempo pieno tutti i mesi tranne nei mesi estivi nei quali lavora soltanto per tre ore al giorno.

Quali requisiti devono possedere gli aventi diritto all’indennità

Hanno diritto all’indennità in esame i lavoratori dipendenti di aziende private che siano stati titolari nell’anno 2021 di un contratto di lavoro a tempo parziale ciclico verticale, nel quale fossero previsti periodi non interamente lavorati di almeno un mese in via continuativa e complessivamente non inferiori a sette settimane e non superiori a venti settimane.

Inoltre, ai fini del riconoscimento della predetta indennità, la norma prevede che i lavoratori sopra richiamati non siano titolari, alla data di presentazione della domanda, di un altro rapporto di lavoro dipendente diverso da quello a tempo parziale ciclico verticale e non siano altresì percettori di indennità di disoccupazione NASpI (indennità mensile di disoccupazione) o di un trattamento pensionistico.
L’indennità  in questione, in presenza dei richiamati requisiti, non concorre alla formazione del reddito.

Come richiedere l’indennità

La presente indennità deve essere richiesta dai lavoratori potenziali destinatari della stessa tramite domanda da presentare all’INPS, esclusivamente in via telematica, attraverso i consueti canali messi a disposizione per i cittadini e per gli Enti di Patronato nel sito internet dell’INPS (www.inps.it), avvalendosi dell’apposito servizio il cui rilascio sarà reso noto con successiva comunicazione.

Limite di erogazione dell’indennità

Per fare fronte alla richieste degli aventi diritto all’indennità in discorso, l’INPS dispone di un apposito Fondo di 30 milioni di euro, esaurito il quale, tale Istituto non accetta altre domande.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684