Bronte, appello del Comune alla Regione, vanno rimodulate le risorse per i poveri - QdS

Bronte, appello del Comune alla Regione, vanno rimodulate le risorse per i poveri

redazione

Bronte, appello del Comune alla Regione, vanno rimodulate le risorse per i poveri

venerdì 10 Aprile 2020 - 00:00
Bronte, appello del Comune alla Regione, vanno rimodulate le risorse per i poveri

Il sindaco: “L’emergenza Covid-19 ci impone di destinare queste somme a chi è in condizioni di disagio”

BRONTE – Bronte è fra i primi Comuni siciliani a chiedere alla Regione la rimodulazione delle risorse sul “fondo povertà” per dare maggiori risposte a chi si trova in gravi difficoltà a causa dell’emergenza Coronavirus.

Il sindaco, Graziano Calanna, infatti, ha inviato una lettera al dirigente generale per la lotta alla povertà e per la programmazione sociale del ministero delle Politiche sociali, Angelo Fabio Marano, all’assessore regionale alla Famiglia e alle Politiche sociali, Antonio Scavone ed ai dirigenti dei dipartimenti regionali interessati, chiedendo la rimodulazione delle somme già finanziate per l’anno 2018.

“Una nota del ministero delle Politiche sociali su progetti simili – ha affermato il sindaco – ha chiarito che i progetti possono essere rimodulati. Noi abbiamo già ricevuto i finanziamenti del fondo povertà per l’anno 2018, su cui ovviamente esiste già una programmazione di spesa. L’emergenza covid -19 – ha aggiunto – ci impone di rivederne le priorità e destinare queste somme per dare risorse a chi oggi si trova realmente in condizioni di grande disagio”.

“Questa Amministrazione – ha spiegto l’assessore alle Politiche sociali, Cristina Castiglione – sta facendo il possibile per recuperare fondi a favore dei propri cittadini in difficoltà. Questa richiesta si aggiunge a tutta una serie di iniziative che stiamo mettendo in atto”. E la Regione ancora non ha risposto, ma la voce di Bronte è ben presente a Palazzo dei Normanni a Palermo.

Il deputato regionale Anthony Barbagallo, infatti, ha presentato una interrogazione: “La gestione del fondo – si legge nel documento presentato – è stata assegnata al Dipartimento regionale alla Famiglia e politiche sociali – Servizio 7 Fragilità e Povertà. Si tratta di una misura che potrebbe alleviare l’attuale situazione di emergenza sociale per quelle famiglie che, a causa del blocco delle attività produttive in conseguenza del diffondersi dell’epidemia da Covid 19, si sono ritrovate senza reddito ed in situazione di povertà estrema”.

“Lottiamo contro il virus e contro il tempo. – ha concluso il sindaco, Graziano Calanna – Famiglie ed imprese hanno bisogno di fondi e fiducia. Noi abbiamo proposto una soluzione concreta. Siamo certi che la Regione ne condividerà l’utilità”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684