Carlo Calenda a Catania, "La Sicilia può ripartire solo se sconfigge i suoi mostri". E attacca tutti - QdS

Carlo Calenda a Catania, “La Sicilia può ripartire solo se sconfigge i suoi mostri”. E attacca tutti

Valeria Arena

Carlo Calenda a Catania, “La Sicilia può ripartire solo se sconfigge i suoi mostri”. E attacca tutti

lunedì 06 Luglio 2020 - 19:19

Il leader di Azione nell'Isola per la presentazione del suo nuovo libro "I mostri - e come sconfiggerli": "I momenti di crisi sono i momenti in cui li si può guardare in faccia. Se ti danno una piccola mancia, ma poi ci metti 13 mesi per farti una mammografia, se ti danno un reddito di emergenza, ma non ti puoi curare per una visita oncologica, non ti stanno aiutando". "Conte, Salvini e Meloni? Non saprebbero gestire neanche una gelateria"

La Sicilia, terra di fantasmi, miti
e creature mitologiche, si appresta a ospitare anche i mostri di Carlo Calenda.
Il leader di Azione sarà infatti a Catania per presentare, nel cortile di
Palazzo Biscari, il suo nuovo libro, I mostri – e come sconfiggerli, dedicato a
tutti quei “demoni” che mantengono ancora oggi nell’immobilismo il nostro Paese
e che hanno sfiduciato e deluso i cittadini. Ed è proprio il parlamentare,
intervistato dal Quotidiano di Sicilia, a parlarcene nel dettaglio.

La
Sicilia è da secoli una terra di mostri, miti e fantasmi, fantasmi da cui, per
altro, non ci si riesce a liberare. Quali sono, secondo lei, questi mostri e
come possiamo sconfiggerli?

“I mostri della Sicilia sono i
mostri dell’Italia. Non sono le persone, come noi erroneamente spesso pensiamo,
ma sono gli atteggiamenti, sono, per esempio, capire perché ci ostiniamo a
votare delle persone a cui non affideremmo mai una nostra attività economica
perché prive di esperienza di gestione; perché diciamo ai nostri figli che la
cosa più importante è studiare, ma non chiediamo mai alla politica di investire
come prima cosa sull’Istruzione e l’Università, con il risultato che siamo il Paese
più ignorante d’Europa. Allora i mostri siamo anche noi e il nostro modo di
stare insieme in una comunità nazionale”.

Sul
Meridione e sulla Sicilia da tempo aleggia il mostro dell’assistenzialismo. Il
governo a trazione grillina ha promosso il reddito di cittadinanza e bonus a
pioggia, quanto si può andare avanti così?

“Le racconto una cosa, quando ero
ministro dello Sviluppo economico, l’unico governo regionale che non si è mai
fatto sentire, mentre gli altri chiamavano per investimenti, ecc., o presentato
al MID è stato quello della Sicilia”.

Il
governo di Crocetta, un governo di centro-sinistra, tra le altre cose.

“Esattamente. Totalmente
disinteressato a qualunque cosa avesse a che fare con l’economia e lo sviluppo.
Ma in fondo il tema è questo: noi pensiamo che è meglio avere qualche euro di
assistenza, piuttosto che avere un sistema sanitario che funzioni, piuttosto
che avere una scuola che funzioni, piuttosto che avere uno Stato che funzioni.
È l’idea del paese fai-da-te, dove sostanzialmente le persone dicono “io non mi
fido più di quello che è capace di fare lo Stato, né io mando persone adatte
per governare lo Stato” e alla fine provo a cavarmela da solo. Il problema è
che il Covid dimostra che questa cosa è finita, non funziona più”.

E
quanto potremo resistere?

“È finita. Quando uno Stato non fa
pagare la cassa integrazione, o quando la Sicilia non sa spendere un miliardo e
mezzo di fondi europei senza cofinanziamento, disponibili dal primo giorno
della crisi, questo vuol dire che lo Stato non esiste più, non esiste nelle sue
amministrazioni periferiche e nazionali. Non riescono a spendere i soldi. Non è
che non riescono ad avere i soldi, non riescono a spenderli”.

Esiste
la luce in fondo al tunnel? Cosa c’è dopo il Conte due?

“Non si vede niente al momento, ma tutto dipende totalmente da noi, dai
cittadini. Non dobbiamo pensare che c’è una maledizione che condanna l’Italia
ad avere degli incapaci al governo, li scegliamo noi quelli che stanno al
governo, non li scelgono altri. E se noi passiamo da Monti alla rottamazione,
al Vaffa, al “Prima gli italiani”, senza mai guardare cosa c’è dietro, qual è
la credibilità delle persone che lo fanno, quanti politici si contraddicono e
sono incoerenti. E se noi questo non lo guardiamo, non c’è nessuna strada, non
c’è il Conte tre, il Conte quattro, il Salvini uno, il Meloni tre, non cambierà
nulla perché tutte queste persone che ho nominato non hanno gestito neanche una
gelateria e non saprebbero gestire neanche una gelateria, figuriamoci una
grande potenza mondiale come la nostra, perché noi siamo una grande potenza
mondiale. Sta a noi cambiare, sta a noi scegliere persone con la consapevolezza
che andranno a gestire qualcosa che è nostro, cioè lo Stato, e quindi mettiamo
la stessa cura nel capire che esperienza hanno, quanto sono seri, se fanno il
loro dovere. I mostri si sconfiggono solo se capiamo che i mostri siamo noi,
solo guardandoci in faccia”.

E come fa un paese immobilizzato da
anni a destarsi così improvvisamente? Come si fa?

“Esattamente. Noi ormai ci siamo
addormentati, ma la politica è potente quando la parola è potente e i momenti
di crisi sono i momenti in cui si può guardare finalmente insieme i mostri in
faccia. Si può capire, per esempio, che, se ti danno una piccola mancia, ma poi
ci metti 13 mesi per farti una mammografia, se ti danno un piccolo reddito di
emergenza, ma non ti puoi curare per una visita oncologica, per cui deve
aspettare otto mesi e quindi ti tocca farla privatamente, ti stanno fregando,
non ti stanno aiutando. Capire questo è capire tutto. Nei momenti di crisi si
nascondono grandi possibilità per i paesi che non riescono a cambiare”.

Ci
sono però mostri che tendono a ripresentarsi ciclicamente. Pensi, per esempio, al
dibattito sul Ponte sullo stretto. Il governo ha preso tempo con la scusa
dell’analisi costi-benefici ma non sembra esserci questa volontà politica. È
l’ennesima beffa?

“Certo che è l’ennesima beffa.
Funziona così in Italia: siccome non riescono a far funzionare le cose di base,
l’amministrazione pubblica, le ferrovie, le strade, a rilasciare i permessi, un
lavoro molto più complicato, un lavoro di gestione seria; siccome non si riesce
a fare questo, si inventano ogni quindici minuti un dibattito ideologico sul
nulla che non conduce a niente. Può essere il Ponte sullo stretto, possono
essere i pieni poteri, possono essere i fascisti, i comunisti, si inventano
questi dibattiti in maniera tale che le persone non pensino più a cosa non funziona,
ma si dividano in squadre, in schieramenti. Questo è quello che stanno facendo
i partiti in Italia in tutta la seconda Repubblica”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684