Più interventi a tutela della salute degli infermieri - QdS

Più interventi a tutela della salute degli infermieri

Annalisa Giunta

Più interventi a tutela della salute degli infermieri

mercoledì 18 Novembre 2020 - 00:00
Più interventi a tutela della salute degli infermieri

I rappresentanti sindacali hanno inviato una nota indirizzata ai vertici dell’Asp nissena. L’emergenza Coronavirus sta mettendo duramente alla prova il mondo della sanità

CALTANISSETTA – Potenziare le misure di sicurezza contingentando gli accessi, effettuando tamponi settimanalmente e riducendo le attività programmate e differibili nelle strutture sanitarie. A chiederlo è il sindacato degli Infermieri Nursind tramite una nota firmata dal segretario territoriale Giuseppe Provinzano e dal segretario aziendale Andrea Maira e indirizzata all’Asp nissena.

Preoccupati delle infezioni che stanno colpendo il personale infermieristico e della situazione di stress lavorativo vissuta in questi giorni così complessi, i rappresentanti sindacali hanno chiesto il potenziamento dell’organico. “Sono circa cinquanta – si legge nella nota del Nursind – le unità che andrebbero a colmare le gravi carenze. In Rianimazione Covid abbiamo due infermieri per otto pazienti, in Rianimazione otto posti letto con due-tre infermieri per turno e ancora, ci sono carenze nei reparti di Ortopedia, Medicina, Cardiologia, Malattie infettive e Pronto soccorso infettivologico”.

Il Nursind ha inoltre invitato il management a rinnovare i contratti in scadenza dei colleghi assunti a tempo determinato e inseriti anche per l’emergenza Covid. “Il rinnovo dei contratti in scadenza il 31 dicembre – hanno affermato i sindacalisti – è fondamentale per assicurare, vista la nuova ondata di emergenza Coronavirus, il mantenimento dei livelli essenziali di assistenza e l’efficiente erogazione dei servizi sanitari, altrimenti compromessi per la carenza di infermieri e personale sanitario che si verrebbe a creare”.

I rappresentanti dei lavoratori hanno anche avanzato richieste alla Direzione strategica, tra queste che a tutti gli operatori – sia dell’area ospedaliera che territoriale – vengano effettuati tamponi a cadenza settimanale: “Chiediamo azioni volte al contingentamento degli accessi ai locali aziendali per evitare inutili assembramenti, che ci sia una debita e frequente areazione dei locali, che vengano incrementate le sanificazioni dei reparti di degenza, specie quelli Covid-19”.

Insomma, l’obiettivo dei rappresentanti degli infermieri è l’attivazione di una task force aziendale con varie figure professionali come infermieri, medici e rappresentanze sindacali.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684