Caltanissetta, tamponi ragazzi autistici, denunce delle famiglie - QdS

Caltanissetta, tamponi ragazzi autistici, denunce delle famiglie

web-iz

Caltanissetta, tamponi ragazzi autistici, denunce delle famiglie

web-iz |
lunedì 01 Febbraio 2021 - 18:25

“Dopo l’accertamento la scorsa settimana di un caso di positività nei centri dedicati all’autismo ‘Eubios’ e ‘Per correre’, le famiglie sono state avvisate con una comunicazione asettica, peraltro fatta pervenire alle strutture dedicate e non a loro, che stamane si sarebbero dovute recare presso il drive in allestito presso la palazzina C dell’ospedale Sant’Elia, per sottoporre ragazzi e ragazze ad un tampone molecolare, come qualunque altra persona normodotata che sa reggere l’impatto dell’attesa e soprattutto di un ambiente non familiare, dove effettuare un esame che nella migliore delle ipotesi è a dir poco fastidioso”. A denunciare i disagi vissuti questa mattina dai ragazzi autistici e dalle loro famiglie è l’Ispedd (Istituto per i disturbi pervasivi dello sviluppo e l’autismo) di Caltanissetta.

“È stata una mattinata estenuante – afferma la vicepresidente Carmela Di Marco – perché ho provato fin dalle prime ore del mattino a mettermi in contatto telefonico con i medici responsabili del drive in per meglio comprendere se e come fosse stato organizzato il servizio per i nostri ragazzi e ragazze, ma la linea telefonica è risultata perennemente occupata, con il risultato di aver provocato una situazione di stress per noi e per i nostri figli, che soltanto chi vive direttamente il problema può comprendere, il resto è purtroppo un mare di indifferenza.

Sarebbe stato opportuno far fare il tampone in ambienti familiari, abitazioni private o strutture dedicate, alla presenza degli operatori e delle operatrici che i nostri figli conoscono da tempo e con cui hanno instaurato un rapporto di piena fiducia”.

“Ci auguriamo – conclude Maria Grazia Pignataro, presidente dell’Ispedd – che non succeda la stessa cosa quando arriverà il turno per le persone disabili di vaccinarsi“.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684