Caro bebè, nel primo anno si spendono 7.000 euro - QdS

Caro bebè, nel primo anno si spendono 7.000 euro

Serena Giovanna Grasso

Caro bebè, nel primo anno si spendono 7.000 euro

giovedì 26 Settembre 2019 - 00:00
Caro bebè, nel primo anno si spendono 7.000 euro

Federconsumatori: risparmi riservati a chi opta per gli acquisti online (-52% sul seggiolone da pappa). A questi costi si aggiungono quelli sostenuti prima della nascita (in media 2.118 €)

PALERMO – Mantenere un bambino nel primo anno di vita nel 2019 costa tra 7.063 euro e 15.537 euro. Secondo le stime effettuate dall’osservatorio nazionale Federconsumatori, si stima un rincaro generale pari allo 0,2% rispetto all’anno precedente (con punte massime dell’1,2% sul valore massimo).

L’aumento più consistente, relativamente ai prezzi massimi, riguarda l’acquisto del tris, composto da passeggino, carrozzina e ovetto, che in un solo anno è passato da 752 euro a 883 euro (+17,4%). Notevoli aumenti hanno riguardato anche l’acquisto del seggiolino auto (da 257 euro a 289 euro, +12,5%), marsupio (da 109,60 euro a 119 euro, +8,6%). D’altra parte, riduzioni sostenute hanno interessato l’acquisto della culla (da 478 euro a 422 euro, -11,7%), dei biberon (il set da quattro pezzi passa da 53,50 euro a 51 euro, -4,1%) e del lettino (da 758 euro a 741 euro, -2,2%).

I costi minimi, d’altra parte, toccano i rincari massimi relativamente all’acquisto di marsupi (da 54,90 euro a 58,60 euro, +6,7%) e di creme (da 51 euro a 52,20 euro, +2,4%). Mentre, forti riduzioni hanno riguardano l’acquisto di passeggini (da 169 euro a 145 euro, -14,2%), lettini (da 296 euro a 255 euro, – 13,9%) e rialzi da sedia (da 44,90 euro a 43 euro, -4,2%).

Ad ogni modo, esistono dei pratici trucchi che permettono risparmi non indifferenti. In tal senso, aiutano certamente gli acquisti online: infatti, è possibile spendere meno della metà se si acquista sul web un seggiolone da pappa (71,90 euro, ovvero il 52% in meno rispetto al prezzo minimo pari a 149 euro); risparmi rispettivamente pari al 49% e 47% se si acquistano scaldabiberon (22,90 euro, contro i 45 euro) e sterilizzatori (31,60 euro, contro 59,20 euro). In ogni caso, gli acquisti online permettono risparmi sempre superiori al 10%.

Inoltre, i costi si riducono ulteriormente nei casi in cui si è disposti ad azzardare con l’acquisto dell’usato, arrivando a toccare addirittura il -68%: è questo, ad esempio, il caso dell’acquisto di seggiolini auto (54,50 euro, contro i 169 euro del nuovo) e seggioloni da pappa (47 euro, contro i 149 euro). Risparmi superiori al 50% riguardano anche l’acquisto usato di sterilizzatori (-65%), scalda biberon (-64%), girelli (-60%), fasciatoi e box (in entrambi i casi -52%).

Va considerato, inoltre, che ai costi da sostenere durante il primo anno di vita del bimbo vanno aggiunti anche quelli affrontati prima della nascita, per un totale di 2.118 euro (ovvero, l’1,4% in più rispetto ai 2.088 euro spesi nel 2018). Nello specifico, visite ed ecografie hanno subito i rincari più importanti (da 1.116 euro a 1.139 euro, +2,1%); mentre incrementi percentuali più modesti sono stati quelli relativi all’acquisto di abbigliamento premaman (+0,4%, da 755 euro a 759 euro).

In ogni caso, non mancano aiuti e sostegni pensati per i neogenitori, come il “Bonus bebè” e il “Bonus mamma domani”. Il primo consiste di un contributo del valore compreso tra 960 euro e 1.920 euro annui, erogati con rate mensili, a seconda dell’Isee che in ogni caso non potrà essere superiore a 25 mila euro. La seconda misura, invece, viene erogata in un’unica soluzione pari a 800 euro e spetta alle donne che hanno superato il settimo mese di gravidanza e alle famiglie che adottano o accolgono in affidamento preadottivo un bambino o una bambina. Tale sostegno non viene riconosciuto automaticamente, è la mamma a doverne fare richiesta all’Inps.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684