Aumento prezzi benzina ed energia, Letta: "Governo pronto a intervenire" - QdS

Aumento prezzi benzina ed energia, Letta: “Governo pronto a intervenire”

web-sr

Aumento prezzi benzina ed energia, Letta: “Governo pronto a intervenire”

web-sr |
venerdì 10 Giugno 2022 - 13:14

Le parole del segretario del Partito Democratico sulla questione rincari che sta colpendo in questi giorni il nostro Paese

“Su nostra richiesta il Governo è già intervenuto contro la crescita del costo dell’energia e dei carburanti. Noi chiediamo al Governo di monitorare l’aumento dei prezzi e di essere pronto a intervenire“, lo ha dichiarato il segretario del Partito Democratico, Enrico Letta, intervenendo sulla questione del caro benzina.

“Nostra competitività deve essere sicura”

La nostra competitività oggi – prosegue Letta – ha bisogno di essere sicura che non ci si fermi per colpa di Putin, della guerra e dei prezzi dell’energia che stanno schizzando e rischiano di mettere in ginocchio l’economia”.

E ancora: “C’è il tema della pesca, dell’autotrasporto. Ci sarà bisogno di reintervenire. Chiediamo al governo di monitorare e intervenire quando la situazione purtroppo sarà ancora più complicata”.

Questione salario minimo

Letta è poi tornato a parlare del salario minimo e della sua possibile introduzione nel nostro Paese: “La questione non ha nulla a che vedere con la competitività delle imprese, pagare una persona 3-4 euro l’ora significa semplicemente sfruttarla“, scandisce Letta.

“L’assenza di salario minimo decreta la morte delle imprese? Decreta la morte dei lavoratori che si ritrovano a lavorare con paghe non dignitose e non degne di un Paese civile“.

Letta: “Direttiva UE ottima spinta”

Paghe da 3-4 euro non sono da Paese degno e intervenire con il salario minimo significa attuare l’articolo 1 della Costituzione”.

La direttiva Ue è un’ottima spinta, noi ci siamo e vorremmo diventasse legge prima della fine di questa legislatura. Non aspettiamo la prossima, sarebbe un gravissimo errore”, conclude Letta.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684