Catania, arriva la risposta di Sigi a Tacopina - QdS

Catania, arriva la risposta di Sigi a Tacopina

web-mp

Catania, arriva la risposta di Sigi a Tacopina

web-mp |
martedì 27 Aprile 2021 - 19:32

A poche ore di distanza dell’annuncio di Tacopina di recedere dal contratto preliminare firmato a gennaio ecco la replica della società proprietaria del pacchetto azionario del club rossazzurro

Botta e risposta tra Sigi e Joe Tacopina.

A poche ore di distanza dalla lettera aperta dell’avvocato italoamericano che annunciava l’intenzione di recedere dal contratto preliminare firmato a gennaio a causa della mancata presentazione di alcuni documenti necessari per il closing, pur confermando la propria disponibilità a trattare l’acquisto del Calcio Catania, ecco la replica della società proprietaria del pacchetto azionario del club rossazzurro.

Le ragioni del mancato closing entro le date previste, si tiene a precisare e com’è a conoscenza di tutti – afferma in una nota Sigi – non sono dipese da Sigi, che ha sempre e senza sosta lavorato per l’avveramento delle condizioni del contratto, tra cui le transazioni, fiscale e con il Comune di Mascalucia”.

“L’investitore – continua la
Sigi – ha sempre saputo che entrambi gli aspetti richiedevano procedimenti
legali con tempi non definibili a priori e, soprattutto, non definibili da
Sigi”.

“Non attendere ciò che legalmente si deve attendere e si è sempre saputo di dover attendere è una scelta di Joe Tacopina, che avrà le sue motivazioni e di cui si deve prendere atto.

Si rispetta la decisione di Joe ma, a fronte di una situazione notevolmente migliorata – continua la Sigi – sarebbe bastata una proroga, ampiamente giustificata da recenti sviluppi di segno positivo e dalla mancanza di colpe di Sigi, piuttosto che un invito a rimetterci tutti “attorno ad un tavolo”.

Sigi, che com’è noto finora ha investito ben più di Tacopina nel progetto – conclude la società – non s’è mai, anche nei momenti più bui, tirata indietro e continuerà con ogni mezzo nel proprio intento, recependo manifestazioni di interesse, da chiunque provengano, anche da Joe, che sarà il benvenuto, a condizione che collimino con la volontà di salvataggio della società cui ugualmente e con rinnovata energia si continuerà a dedicare. Tutto questo per amore di verità.

Lo dice anche Sigi: “Forza Catania sempre”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684