Catania, nuova vita per l'Empire: tolto alla mafia, sarà Casa della musica

Catania, nuova vita per l’Empire: strappato alla mafia, sarà Casa della musica

web-mt

Catania, nuova vita per l’Empire: strappato alla mafia, sarà Casa della musica

Melania Tanteri  |
giovedì 11 Agosto 2022 - 13:05

L'immobile è già del Comune, ma quando diventerà la Casa della musica è difficile dirlo: la giunta comunale scadrà infatti il prossimo 17 agosto.

Due piani, sale e salette ampie rimaste così da anni, in attesa di essere restituite alla pubblica frizione. Stamattina, alla presenza del viceprefetto, di alcuni rappresentanti delle forze dell’ordine e delle associazioni antiracket, l’assessore ai beni confiscati Michele Cristaldi ha aperto le porte dell’ex discoteca Empire. Luogo di ritrovo delle notti dei catanesi che però serviva anche a lavare i soldi della mafia. Fino a quando, sei anni fa, è stato chiuso a seguito del provvedimento di Prevenzione emesso dall’Autorità Giudiziaria nei confronti di Giacomo Maurizio “Nuccio” Ieni, sancendo l’acquisizione ufficiale nel patrimonio indisponibile dell’Ente.

Il bene sequestrato

Per questo è stato confiscato e oggi può tornare a nuova vita: diventerà la Casa della musica, come sottolineato dallo stesso delegato della giunta Pogliese, restando patrimonio comunale. “Abbiamo ritenuto doveroso comunicare alla città la decisione dell’Agenzia dei beni confiscati che ha assegnato questo immobile al Comune – ha detto. Un immobile di grande pregio, del valore di quasi tre milioni e mezzo di euro che sarà un centro culturale gestito direttamente dal Comune”.

La Casa della Musica di Catania

Palazzo degli elefanti, spiega ancora Cristaldi, tramite accordi, protocolli di intesa o altro, lo metterà a disposizione di scuole, associazioni, musicisti.. “Questi avranno avranno la possibilità di esercitarsi e di esibirsi – ha proseguito. Non sarà assegnato con bando, ma sarà un centro aperto a tutti gli impulsi che provengono dal mondo civile”. L’immobile è già del Comune, ma quando diventerà la Casa della musica è difficile dirlo: la giunta comunale scadrà infatti il prossimo 17 agosto. “L’immobile è in perfette condizioni – ha spiegato Cristaldi -ma il problema è che siamo con i giorni contati. Per quel cronoprogramma che avevo in testa, basterebbe un mese”. Ma cosa succederà con il commissariamento ancora non si sa.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684