Nodo via Castromarino, esclusi da trattativa sul piede di guerra - QdS

Nodo via Castromarino, esclusi da trattativa sul piede di guerra

Melania Tanteri

Nodo via Castromarino, esclusi da trattativa sul piede di guerra

venerdì 21 Gennaio 2022 - 09:40

Solo 9 famiglie coinvolte nell’acquisto della palazzina crollata da parte di Cmc. L’avvocato Lipera: “Non si può non pensare alle conseguenze sugli altri edifici”

CATANIA – Due anni fa il crollo. Oggi i residenti tornano a farsi sentire, dopo la notizia – anticipata dal Quotidiano di Sicilia – dell’acquisto della palazzina crollata in via Castromarino da parte della Cmc per poter proseguire gli scavi della metropolitana. Lo hanno fatto nel corso di una conferenza stampa in presenza del legale, Giuseppe Lipera per rappresentare i propri disagi. Solo nove famiglie, infatti, sono state coinvolte nella compravendita, e dunque risarciti: le altre aspettano ancora una risposta.

“Hanno perso tutto e non sono stati risarciti – ha affermato l’avvocato Lipera riferendosi a chi non ha firmato l’accordo. Come si può pensare di abbattere un palazzo non pensando alle conseguenze sugli altri edifici?” – si domanda l’avvocato. A essere infuriati sono coloro che, pur avendo perso la casa in seguito al crollo, per via dell’ordinanza sindacale che ha definito inagibili i palazzi limitrofi, non sono stati risarciti. Non solo: temono che la demolizione dello stabile acquistato dalla CmC possa danneggiare ulteriormente gli altri palazzi. È quanto sostiene la professoressa Oriana Pappalardo, portavoce dei residenti.

“La situazione è assurda – afferma: solo 9 famiglie sono state risarcite. Gli altri, con anziani e minori, sono state arbitrariamente escluse. Di noi non frega nulla – continua la residente nel palazzo attiguo a quello acquistato -. Nel mio palazzo c’è la scala danneggiata – aggiunge – ma, secondo i tecnici, non ci sarebbero pericoli. Invece, continuando sulla via Plebiscito ci sono due case sul burrone. La mia casa è inagibile ma non è sotto sequestro – prosegue: se io volessi entrare però non potrei. Da dieci giorni ho chiesto alla protezione civile di poter avere i miei mobili, le mie cose, perché finalmente dopo due anni ho trovato una sistemazione ma no. Non posso entrare”. Anche per questa vicenda l’avvocato Lipera ha annunciato “segnalazione alla questura perché stanno agendo in maniera scomposta”.

Sulla questione interviene il direttore generale di Fce, Salvatore Fiore, sottolineando la bontà dell’operazione condotta da Cmc e replicando a quanto affermato da Lipera e dai residenti. Partendo dagli immobili che affacciano su via Plebiscito. “Quelli inagibili – ha detto – sono stati acquistati tutti. Gli altri non sono oggetto dell’ordinanza del sindaco”. Fiore ha spiegato anche la situazione in via Castromarino. “Gli operai della Cmc entrano nel palazzo attiguo perché esiste una scala in comune che appartiene al palazzo oggi della Cmc – ha detto -. L’altro edificio al momento non è accessibile proprio per le condizioni della scala”.

Parole alle quali replica il consigliere comunale del Movimento 5 stelle, Graziano Bonaccorsi, che segue le vicende dei residenti da tempo. Il gruppo pentastellato ha anche chiesto la convocazione di una seduta straordinaria del Consiglio comunale per discutere il caso Castromarino. “Bisogna capire a quale ordinanza fa riferimento il direttore Fiore – risponde il consigliere -: siamo rimasti a quella del maggio scorso in cui si rappresenta ai residenti anche degli altri immobili di presentare un progetto di ristrutturazione dell’immobili definiti inagibili”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684