Il territorio di Centuripe invaso dalle discariche abusive - QdS

Il territorio di Centuripe invaso dalle discariche abusive

Elisa Saccullo

Il territorio di Centuripe invaso dalle discariche abusive

venerdì 28 Agosto 2020 - 00:00

La situazione nei pressi di molte aree coltivate mette a rischio anche la qualità dei prodotti. Da Confartigianato imprese Centuripe un appello rivolto ai sindaci del comprensorio

CENTURIPE (EN) – Il responsabile di Confartigianato imprese locale, Antonio Castiglione, ha denunciato lo stato di degrado in cui si trovano alcune aree prospicienti l’oasi del Simeto e le sue bellezze naturali e ambientali.

Sul posto sono sorte infatti pericolose micro discariche altamente inquinanti, nocive all’ecosistema e alle coltivazioni biologiche locali munite di marchi di pregio (Dop e Igp).

“La sporcizia e gli odori nauseabondi – ha sottolineato Castiglione – lacerano il cuore dei siciliani perbene, allontanando l’incremento turistico e di riflesso lo sviluppo economico. È assurdo vedere l’arancia rossa Igp di Sicilia a braccetto con gli inquinanti tossici prodotti dal menefreghismo di gente stolta e ignorante. La cosa peggiore è quella di vedere il fuoco che viene spesso appiccato per liberarsi di queste enormi e insopportabili macerie di rifiuti”.

Castiglione ha così invitato i sindaci ad avvalersi di sistemi di video sorveglianza per individuare questi incivili e irrogare le sanzioni previste dalla legge, salvo la possibilità di aprire dei procedimenti penali per disastro ambientale e inquinamento doloso.

“Gli autori di queste micro discariche – ha aggiunto il responsabile di Confartigianato Centuripe – vanno puniti con multe esemplari ed educati al rispetto dei luoghi in cui vive. I sindaci, nella loro qualità di ufficiali di pubblica sicurezza, facciano il loro dovere per scongiurare questi spettacoli indecorosi, altrimenti le battaglie ambientaliste non serviranno a niente”.

“Bisogna potenziare la raccolta differenziata – ha concluso – e raggiungere i sistemi di premialità previsti dalla legge, per responsabilizzare i cittadini ad avere cura della terra in cui vivono e dove hanno messo radici”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684

x