Clima, l'allarme dell'Onu, "Combustibili fossili in aumento, obiettivi lontani" - QdS

Clima, l’allarme dell’Onu, “Combustibili fossili in aumento, obiettivi lontani”

Web-al

Clima, l’allarme dell’Onu, “Combustibili fossili in aumento, obiettivi lontani”

Web-al |
mercoledì 20 Ottobre 2021 - 08:21

E' quanto si afferma nel nuovo rapporto del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (Unep). La produzione incompatibile con riscaldamento sotto 1,5°C

I piani dei governi per estrarre combustibili fossili fino al 2030 sono incompatibili con il mantenimento delle temperature globali a livelli di sicurezza. E’ quanto si afferma nel nuovo rapporto del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (Unep), secondo il quale i Paesi perforeranno o estrarranno più del doppio dei livelli necessari per mantenere in vita l’obiettivo di ridurre il riscaldamento terrestro alla soglia del 1,5°C.

Il rapporto

Il rapporto rileva che i Paesi prevedono di produrre circa il 110% in più di combustibili fossili rispetto a quanto sarebbe compatibile con un aumento delle temperature di 1,5°C entro la fine di questo secolo. I piani rappresentano circa il 45% in più rispetto a quanto necessario per mantenere l’aumento della temperatura a 2°C.

Secondo lo studio, la produzione di carbone diminuirà, ma quella del gas aumenterà molto nei prossimi 20 anni, a livelli semplicemente incompatibili con l’accordo di Parigi.

La produzione deve diminuire

Il rapporto indica 15 principali paesi produttori, tra cui Australia, Russia, Arabia Saudita, Stati Uniti e Regno Unito.

“La ricerca è chiara: la produzione globale di carbone, petrolio e gas deve iniziare a diminuire immediatamente e rapidamente per essere coerente con la limitazione del riscaldamento a lungo termine a 1,5°C”, afferma Ploy Achakulwisut, autore principale del rapporto dello Stockholm Environment Institute.

“Tuttavia, i governi continuano a pianificare e sostenere livelli di produzione di combustibili fossili che sono di gran lunga superiori a quello che possiamo bruciare in sicurezza”, ha aggiunto. (ASKANEWS).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684