Codacons contro multe a bagnanti che lasciano ombrelloni in spiaggia: "Non è reato" - QdS

Codacons contro multe a bagnanti che lasciano ombrelloni in spiaggia: “Non è reato”

web-gv

Codacons contro multe a bagnanti che lasciano ombrelloni in spiaggia: “Non è reato”

web-gv |
domenica 28 Agosto 2022 - 08:46

Codacons contro le multe ai bagnanti che lasciano ombrelloni in spiaggia. "Non è reato e non c'è occupazione di suolo pubblico".

Il Codacons si schiera con i bagnanti multati che lasciano gli ombrelloni in spiaggia. L’associazione, dopo le multe elevate dalla Guardia Costiera e dalla Polizia Locale nei confronti dei cittadini, interviene sottolineando che ritiene le ammende “ridicole e del tutto sbagliate, e deviano l’attenzione dai veri problemi dei litorali italiani“. Il Codacons ribadisce che non è un crimine e nello specifico il presidente, Carlo Rienzi, interviene sulla questione emersa nelle ultime settimane.

Chi lascia un ombrellone piazzato sulla spiaggia, se non lo fa per profitto, non commette alcun reato e non realizza alcuna occupazione di suolo pubblico – afferma il numero uno dell’associazione -. Questo perché chiunque arrivi su quella stessa spiaggia può utilizzare sdraio, lettini e ombrelloni lasciati da altri utenti, che non rappresentano certo strutture fisse o proprietà private, non obbligano al pagamento di alcuna tariffa per il loro uso e non determinano una forma di abusiva occupazione di spazi demaniali – prosegue Rienzi -. Il reato si configura solo laddove un privato sfrutti abusivamente uno spazio pubblico per trarne profitto, ad esempio installando senza autorizzazione ombrelloni sulla battigia e chiedendo un pagamento gli utenti che vogliono farne uso. Il vero problema delle nostre spiagge è rappresentato semmai da quelle strutture che richiedono ai cittadini il versamento di una tariffa per raggiungere la battigia, malcostume ancora diffusissimo in Italia e vietato dalle leggi vigenti. Ci chiediamo al riguardo quante multe siano state elevate dalla Guardia Costiera verso chi impedisce il libero accesso in battigia – conclude il presidente del Codacons -, e sul caso presenteremo una apposita istanza d’accesso per conoscere l’attività svolta dalle autorità competenti e il numero di sanzioni elevate“.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001