Codacons, esposto per aggiotaggio sulla rivendita delle sneakers Lidl - QdS

Codacons, esposto per aggiotaggio sulla rivendita delle sneakers Lidl

redazione

Codacons, esposto per aggiotaggio sulla rivendita delle sneakers Lidl

martedì 17 Novembre 2020 - 18:12

 Il Codacons ha deciso di presentare un esposto alla Procura della Repubblica di Roma, alla Polizia Postale e all’Antitrust in cui si chiede di intervenire con urgenza per bloccare le speculazioni a danno dei consumatori sul caso della scarpe Lidl.

“È di queste ore la notizia che le sneakers della catena Lidl sono terminate rapidamente nei punti vendita del supermercato per comparire a tempo di record sul web, in vendita a prezzi astronomici – spiega il presidente Carlo Rienzi -. Su alcune piattaforme di e-commerce le scarpe in questione, che nei negozi Lidl erano offerte a 12,99 euro, sono rivendute a prezzi che raggiungono i 2.500 euro, con un ricarico del +19.000%”.

“Una evidente speculazione a danno dei consumatori, che configura le ipotesi di aggiotaggio e manovre speculative su merci, e contro la quale chiediamo oggi l`intervento della magistratura e di Polizia Postale e Antitrust, affinché oscurino tutti i siti web e gli annunci che vendono al pubblico le scarpe Lidl a prezzi maggiorati, e indaghino i responsabili dei reati che saranno ravvisati”, conclude Rienzi 1ɺvH@

Tag:

Un commento

  1. mac ha detto:

    <>

    Per tanto, nel caso della vendita di un solo paio di scarpe (per altro nemmeno appartenente a delle materie prime), fatta su una piattaforma online, senza diffondere notizie false o gonfiate, non rientra nel reato di aggiotaggio. A meno che, probabilmente, non ne sia stata acquistata, per essere venduta, una notevole quantità.
    Se io acquisto un oggetto, dimostrandolo con uno scontrino e diventa di mia proprietà, poi lo posso vendere al prezzo che voglio se chi lo compra è capace di intendere e di volere… Non è obbligato.
    L’esposto fatto dal Codacons, farà riferimento a quelle aziende o ditte che le hanno comprato in massa e non al singolo privato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684