Come cercano lavoro gli italiani? Il 77,5% si rivolge a parenti e amici - QdS

Come cercano lavoro gli italiani? Il 77,5% si rivolge a parenti e amici

Web-al

Come cercano lavoro gli italiani? Il 77,5% si rivolge a parenti e amici

Web-al |
mercoledì 17 Novembre 2021 - 16:45

E' quanto rileva Cristina Freguja, direttore della Direzione centrale per le statistiche sociali e il welfare dell'Istat nel corso della sua audizione alla Camera

La ricerca di lavoro è stata prevalentemente affidata a canali di natura informale: il 77,5% delle persone in cerca di lavoro si è rivolto a parenti, amici e conoscenti, un valore in diminuzione rispetto a quello dell’anno precedente (81,9% nel 2019). E’ quanto rileva Cristina Freguja, direttore della Direzione centrale per le statistiche sociali e il welfare dell’Istat nel corso della sua audizione alla Camera.

I dati

Questa percentuale, sottolinea, è superiore nel Mezzogiorno (80,7%) e fra gli uomini (79,1% rispetto al 75,7% delle donne); aumenta al crescere dell’età (80,7% per gli ultracinquantenni) e diminuisce al crescere del titolo di studio (dall’85% per chi ha conseguito la licenza media al 58,5% per chi è laureato). Circa il 60% delle persone in cerca di un lavoro hanno inviato il curriculum vitae (61,7%) o hanno cercato lavoro attraverso Internet (58,4%); quest’ultima modalità, insieme all’invio di domande per un concorso pubblico, è l’unica in aumento rispetto al 2019 (era 56,6%).

Nei centri per l’impiego

Nel 2020, invece, solo il 16,2% delle persone in cerca di lavoro si è rivolto a un Cpi nell’ultimo mese. Un dato in calo rispetto al 2019 quando era il 22% nel 2019. Il ricorso ai Cpi, sottolinea ancora Freguja, “era cresciuto negli anni della crisi economica raggiungendo il valore massimo (pari al 30,5%) nel 2012, per poi tornare a scendere negli anni successivi”. I contatti, rileva, “sono più frequenti nelle regioni del Nord (22,7% delle persone in cerca di lavoro rispetto all’11,7% del Mezzogiorno), fra gli uomini (17% rispetto al 15,4% delle donne), tra gli ultra 50enni (18,1% rispetto al 15,4% dei giovani fra i 15 e i 34 anni) e tra le persone con titolo di studio intermedio: la quota è pari al 17,5% fra i diplomati rispetto al 12,9% delle persone con almeno la laurea”.

Disoccupati e inattivi

Nel 2020, sottolinea, “si rivolgono al Cpi soprattutto gli ex-occupati (18,6%) e gli inattivi con esperienza lavorativa (14,8%); la percentuale risulta invece più bassa (13,1%) per le persone alla ricerca del primo lavoro. I contatti hanno riguardato in misura maggiore le persone alla ricerca di un lavoro da meno di 12 mesi (18,5%) rispetto ai disoccupati di lunga durata (14,6%)”. Negli altri paesi europei, osserva, “i centri per l’impiego hanno un peso rilevante, significativamente più elevato di quanto accade nel nostro Paese. Nella media europea nel 2020, il 42,5% dei disoccupati ha contattato i centri pubblici per l’impiego, quota più che doppia rispetto a quella italiana (18,7%). In Germania il valore (63,6%) è oltre tre volte quello italiano, così come in Svezia (60,3%); decisamente più elevate anche le quote in Francia (52,9%) e Spagna (25,3%)”.

Le differenze si attenuano, spiega, “se si considera il ricorso alle Agenzie di intermediazione diverse dai Cpi. In Italia nel 2020 si è rivolto a tali agenzie il 10% delle persone alla ricerca di un lavoro, 19,5% nel Nord, 9,5% nel Centro e 4% nel Mezzogiorno, una quota pari alla metà di quella europea (21,3%), più elevata di quella svedese (6,8%), sebbene inferiore a quella tedesca (17,2%), francese (31,9%) e spagnola (29,1%)”. (ADNKRONOS).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684