Continuità territoriale, Pagano, “Emendamento Italia Viva farlocco” - QdS

Continuità territoriale, Pagano, “Emendamento Italia Viva farlocco”

Patrizia Penna

Continuità territoriale, Pagano, “Emendamento Italia Viva farlocco”

sabato 14 Dicembre 2019 - 00:00
Continuità territoriale, Pagano, “Emendamento Italia Viva farlocco”

Caro voli, il viceministro Cancelleri: “Arriva prima la tariffa sociale ma risolve il problema solo per determinate categorie di persone”. Il deputato leghista: “Tempi troppo lunghi e risorse insufficienti”

CALTANISSETTA – “Prima dell’estate saremo pronti per la prima tariffa sociale”. Lo ha detto ieri mattina a Caltanissetta il viceministro delle infrastrutture e dei trasporti, Giancarlo Cancelleri, dopo il sì arrivato dal Senato sull’approvazione delle tratte sociali contro il “caro voli” in Sicilia.

Sono 25 milioni di euro per il 2020 per quattro categorie sociali particolarmente svantaggiate: studenti fuori sede, lavoratori fuori sede, i disabili gravi e gravissimi e – ha continuato Cancelleri – tutte quelle persone che si vanno a curare fuori perché qui non trovano lo stesso standard di prestazioni. A loro lo Stato vuole stare vicino e vuole in qualche modo far capire che la Sicilia non è più una terra di isolati ma di isolani. Per quanto riguarda le modalità stiamo pensando a una pagina dedicata sul portale dell’Enac dove il cittadino che appartiene ad una di quelle categorie lo deve dimostrare, per cui caricherà i documenti necessari, e a quel punto, verrà registrato e riconosciuto e gli sarà fornito un codice di sconto”.

“All’acquisto del biglietto su qualunque vettore aereo, per qualsiasi destinazione, da Palermo e da Catania aggiungerà il codice di sconto – ha spiegato -. Stiamo cominciando con uno sconto del 30% e poi a metà anno faremo i conti su quanti soldi sono rimasti. Tempi per farlo partire? Dobbiamo fare entro 60 giorni da quando diventa legge un decreto attuativo e poi dobbiamo fare i relativi passaggi per mandarlo in pubblicazione, preparare il portale e tutto quanto”.

Le tariffe sociali non risolvono il problema del caro voli perché lo risolve soltanto per determinate categorie di persone ma stiamo già lavorando alla continuità territoriale che è un altro obiettivo che ci siamo posti”, ha aggiunto Cancelleri. “Sono iter legislativi molto lunghi, dobbiamo avere a che fare con l’Europa che non è detto ci dica di sì su Palermo e Catania. Però il grande fatto – ha affermato il viceministro – è che per Trapani e Comiso già a marzo del 2020 avvieremo la gara di appalto ed entro l’estate del 2020 avremo già gli aerei a prezzi da continuità territoriale su varie tratte. Da Comiso si farà Roma e Milano, da Trapani faremo Verona, Ancona, Napoli e altre tratte importanti”.

Sul tema della continuità territoriale, è intervenuto ieri anche Alessandro Pagano, vicecapogruppo della Lega alla Camera. “Ancora una volta registriamo l’incompetenza o la malafede, o forse entrambe, che regnano nel governo giallorosso. Si continuano a mortificare l’intelligenza e la speranza degli italiani e in particolare dei siciliani a proposito delle presunte riduzioni delle tariffe aeree da e per la Sicilia”.

“È grave – prosegue Pagano -. Quanto affermano il senatore Faraone di Italia Viva e il viceministro dei Trasporti di M5s Cancelleri: sbandierano uno pseudo emendamento alla Finanziaria, in commissione Traporti e Bilancio del Senato, come elemento risolutivo del ventennale problema delle tariffe aeree. Si dimenticano di dire che preventivamente all’approvazione di qualunque norma da parte del Parlamento occorre, sulla base del regolamento 1008 sul Servizio Aereo della Comunità Europea, sottoporre alla Commissione Trasporti, uno schema preventivo di riferimento, che contenga tutte le indicazioni necessarie su costi, tratte, passeggeri e quindi chiedere l’istituzione di un’apposita Commissione composta da i rappresentanti della Commissione europea, dal ministro dei Trasporti e dall’Enac”.

“Oltre a quanto detto – conclude il deputato leghista – è mortificante leggere che per gli ipotetici oneri di servizio pubblico per l’intera Sicilia verrebbero stanziati 25 milioni, quando solo per Lampedusa e Pantelleria, nell’ultima tornata, ne sono stati impiegati 33, di cui il 75% a carico dello Stato e il 25% a carico della Regione Sicilia. Come se ciò non bastasse, la continuità territoriale su Comiso e Trapani non è stata mai approvata e la Commissione Ue ha mosso forti rilievi per Comiso. Insomma, una vera e propria debacle, che pagheranno a caro prezzo in termini elettorali, per i proponenti del tanto sbandierato emendamento farlocco”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684